Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:54 METEO:PISA18°30°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Federica Pellegrini e il suo compleanno: «Festeggerò con tanto sushi»

Politica lunedì 08 marzo 2021 ore 10:38

"Compimento di sesso in pieno giorno”

La cancellata a chiusura del camminamento coperto del Giardino Scotto

Lo ha scritto il Comune alla Soprintendenza per giustificare la necessità delle cancellate al Giardino Scotto, rivelano da Diritti in Comune



PISA — Diritti in Comune torna ad attaccare l'amministrazione comunale sulla cancellata posta a chiusura del camminamento coperto del Giardino Scotto, ora che finalmente ha ricevuto l'atto con cui il Comune di Pisa ha chiesto alla Soprintendenza il via libera per l'operazione. Un atto nel quale si fa riferimento a situazioni di degrado "fino al compimento di sesso in pieno giorno".

"Le cancellate al Giardino Scotto sono una vergogna - ribadiscono dal gruppo di minoranza - e leggendo la comunicazione inviata dal Comune alla Soprintendenza, per di più a posteriori, ovvero solo dopo aver realizzato l’intervento, le nostre perplessità sono ancora maggiori. Nell'oggetto del documento del Comune si legge che la chiusura è determinata da ragioni di pubblica incolumità e, sulla base di questo, si giustifica anche la procedura di urgenza. Quindi è normale immaginare che questa decisione sia stata presa a causa di un crollo già avvenuto o atteso, o che ci sia un problema di tutela del bene. E invece, sorpresa: nulla di tutto ciò. Nel documento si legge "da tempo si susseguono fatti di degrado sociale da parte di ragazzi sia minorenni che maggiorenni che creano forti disagi ed inquietudini alle famiglie fruitori del parco e ai residenti degli edifici confinanti". Ma ecco la ciliegina sulla torta che smaschera definitivamente l'amministrazione: “Negli ultimi dieci giorni si sono susseguiti gravi fatti fino al compimento di sesso in pieno giorno”. Conclusione: “Per evitare queste frequentazioni anomale e tutelare la pubblica incolumità si è reso necessario eseguire una chiusura provvisoria”.

"E’ evidente quindi - commentano da Diritti in Comune, gruppo rappresentato in consiglio da Francesco Auletta - come si utilizzi impropriamente una procedura di urgenza quando questa non sussiste. Non c'è alcun pericolo per l'incolumità pubblica, non essendo stati addotti motivi di sicurezza legati ad un crollo o a pericoli reali, ma si tratta invece di una scelta tutta politica volta a tenere lontane persone che frequentano gli spazi. Ci troviamo davanti alla più plateale e clamorosa sconfitta di una amministrazione che non riesce a gestire persone che fanno sesso in uno spazio pubblico, o altri fenomeni sociali che ci rifiutiamo di definire di "degrado". E’ possibile che l'unica risposta che un Comune sa dare a comportamenti non corretti di ragazzi, per di più minorenni, sia quello di chiudere gli spazi, con la sola conseguenza di spostarli qualche metro più in là?"

"E’ possibile - concludono - che l'unica strada sia quella della blindatura al posto della educazione alla cura del bene pubblico, e che a fronte di installazione di telecamere, servizi di vigilanza, sbandierati controlli continui del territorio, l'unica risposta a “comportamenti osceni in un luogo pubblico” sia quello di mettere delle gabbie impedendo la fruizione di quel bene? Si pensa veramente di affrontare questioni sociali, aggravatesi con la pandemia, con gabbie e manganello? Si pensa veramente che, mettendo due cancelli per evitare il fastidio della vista a qualcuno, ragazzi e ragazze anche minorenni smetteranno di abusare di sostanze in maniera non consapevole? Si tratta della solita propaganda della destra che non dà alcuna risposta ai problemi che esistono ma anzi li esaspera, trasformando gli spazi della città in gabbie".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto in Corso Italia. Il ladro è stato rintracciato e arrestato da una pattuglia della polizia municipale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca