Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PISA14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Letta «Queen maker» scopre le carte: ecco chi è il primo identikit del Pd per la corsa al Colle

Attualità venerdì 01 ottobre 2021 ore 18:00

Il liceo Buonarroti "chiuso per fiere"

Le Officine Garibaldi

L'Osservatorio Scuole denuncia la situazione delle classi spostate alle Officine Garibaldi, costrette a casa per una manifestazione di abiti usati



PISA — Come se non bastassero la carenza di aule, i laboratori negati e le classi pollaio, adesso sono le fiere di abiti usati che negano l’istruzione agli studenti del Liceo Buonarroti di Pisa" denunciano dall'Osservatorio Permanente Scuole Pisa, che sarcasticamente parlano di un liceo "chiuso per fiere".

"E non importa se a perdere le lezioni sono ragazzi e ragazze che quest’anno avranno la maturità - si legge nella nota dell'Osservatorio -, e che già sono costretti a casa tre giorni ogni dodici proprio per la mancanza di aule disponibili. Non importa se i docenti e gli alunni sono costretti a spostarsi da un'aula all’altra per seguire un puzzle che i dirigenti scolastici devono cambiare di settimana in settimana per far fronte a questa carenza di aule".

"Solo nel pomeriggio di oggi genitori e docenti sono stati informati che domani, sabato 2 Ottobre, le 3 quinte che erano state spostate dal Liceo Buonarroti alle Officine Garibaldi saranno costrette a rimanere a casa. Sicuramente le Officine Garibaldi hanno una loro programmazione di eventi e non sono obbligate a rispettare le necessità didattiche, ma la coesistenza di grandi eventi fieristici con ingressi e uscite comuni a studenti e studentesse del liceo è assolutamente incompatibile, sempre e oggi più che mai a causa dell’emergenza pandemica". 

"Ci saranno altri eventi durante l’anno?" domandano a questo punto dall'Osservatorio. "I genitori e gli studenti verranno avvisati il giorno prima? E se ci fosse un caso di Covid tra i partecipanti ad una Fiera che succede?"

"Proprio per questo la richiesta di aule e di edifici che da settimane ripetiamo insieme ad altre associazioni è divenuta assolutamente indifferibile - commentano -. Eppure dai giornali odierni scopriamo che all’avviso pubblico emesso dalla Provincia con estremo ritardo il 19 Settembre hanno partecipato solo 4 soggetti, due nel Comune di Pisa e 2 nel Comune di San Giuliano Terme, e tutti e quattro sono soggetti privati. Dunque il Comune non ha minimamente ascoltato la nostra proposta di partecipare al bando con la concessione del Centro Espositivo SMS, poco o per nulla utilizzato negli ultimi anni. Soldi pubblici, cioè della collettività, cioè nostri, che sarebbero rimasti pubblici.

"Una situazione di questo genere deve cessare in tempi brevissimi e ragazzi e ragazze devono poter contare su orari pieni, tanto più nell’anno della maturità - concludono dall'Osservatorio -. E invece, sempre nella giornata di oggi, scopriamo che l’orario provvisorio verrò prolungato di un’altra settimana, anche perché le 3 aule promesse dalla Provincia e che dovevano essere pronte per martedì 5 Ottobre, non saranno consegnate".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati fotografano le ultime ventiquattro ore sul fronte epidemico. Il punto sui ricoveri nelle aree Covid di Cisanello e Santa Chiara
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Sergio Cenci

Lunedì 29 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità