Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità domenica 27 febbraio 2022 ore 18:00

"No a politiche di mobilità arcaiche"

Tramvia o busvia: l'associazione La Città Ecologica chiede che si approfondisca la strada intrapresa, guardando anche alla mobilità dell'area vasta



PISA — L'associazione ambientalista di promozione sociale La Città Ecologica dice la propria sulla querelle relativa alla tramvia e alla nuova mobilità all'interno del centro di Pisa e delle zone più limitrofe.

"Il Pd pisano, con la sponsorizzazione di Giani, chiede all’amministrazione in carica di rinunciare a ogni progetto di tranvia per ritornare al vecchio progetto di busvia dalla stazione a Cisanello e, nel farlom bacchetta anche i suoi amministratori di Comuni limitrofi - hanno affermato dall'associazione - in questo modo il Pd pisano mostra, al di là delle chiacchiere sulla transizione ecologica e la mobilità sostenibile, di perseverare in una politica dei trasporti urbani arcaica che non assume come prioritaria la drastica riduzione delle auto in circolazione e delle emissioni inquinanti e climalteranti".

"Una politica che ha già portato al disastro del People Mover al posto della linea ferroviaria allora esistente e convertibile in linea tranviaria - hanno proseguito - posto che le gestioni degli innumerevoli sistemi tranviari esistenti dimostrano che questo è il modo di trasporto collettivo più efficiente anche dal punto di vista economico, il problema non è quello di rinunciare a costruire il tram a Pisa ma quello di come realizzarlo".

"Come La Città Ecologica sostiene da tempo, occorre rendere la prima linea proposta più rispondente ai bisogni di mobilità dei cittadini e quindi con una maggiore previsione di passeggeri trasportati, facendola passare nel centro storico attraverso il Lungarno, inserendola in una progettazione di più linee urbane e, soprattutto, integrata in una previsione di mobilità nell’area vasta - hanno concluso - se si vuole arrivare ad una mobilità urbana e d’area vasta sostenibile occorre proseguire sulla strada intrapresa, modificandola radicalmente ma senza ritirare fuori i progetti del passato."


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Addio a Renato Bacconi, segretario generale dal 1981 al 1990. Il cordoglio del sindacato: "Sempre in prima linea per i diritti dei lavoratori"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca