Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 07 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
A Sanremo vince il rock dei Maneskin

Lavoro lunedì 22 febbraio 2021 ore 14:58

"Non abbandonate i lavoratori del trasporto aereo"

"Situazione critica. Tra Pisa e Firenze 900 lavoratori diretti e un indotto ancora più ampio", Fit-Cisl chiede pieno sostegno dalle istituzioni



PISA — Voli quasi azzerati anche in Toscana e un andamento della pandemia che non lascia intravedere una rapida ripresa del trasporto aereo, questi i campanelli di allarme che la Fit-Cisl invita a non sottovalutare, chiedendo alle istituzioni di sostenere il comparto e i lavoratori. Nel 2020, secondo i dati disponibili, i passeggeri transitati dagli aeroporti "Galilei" di Pisa e "Vespucci" di Firenze Peretola - entrambi di Toscana Aeroporti Spa - sono stati poco meno di 2 milioni, con un calo del 76% rispetto al 2019.

“Il Covid-19 – queste le parole del segretario generale Fit-Cisl Toscana Stefano Boni - ha colpito duro il trasporto aereo e la sua filiera, compreso tutto l’indotto (gestori degli aeroporti, servizi di handling, operatori catering, fuel, operatori commerciali) che è allo stremo e quindi bisogna oggi prevedere la ripresa programmando gli investimenti e sostenendo, oggi, il settore con incentivi e provvedimenti ad hoc. Al Governo chiediamo che il trasporto aereo sia inserito nel piano di ripresa economica e messo al centro della ripresa del Paese”.

“Bene ha fatto la Regione Toscana, nel quadro temporaneo di sostegno all’economia, a prevedere un finanziamento di circa 10 milioni alla società Toscana Aeroporti - ha ricordato Franco Fratini, della segreteria Fit-Cisl Toscana -; ma ora è necessario porre attenzione anche ai lavoratori (circa 900 diretti, compresi i lavoratori part-time, equamente distribuiti tra Firenze e Pisa) di Toscana Aeroporti e di Toscana Aeroporti Handling: quasi tutti in cassa integrazione e con prospettive nere; poi dobbiamo considerare tutti gli altri lavoratori dell’indotto che possiamo stimare in circa 3000, anche questi in cassa Covid senza nessuna prospettiva di poter tornare a lavorare in tempi stretti”

“Su questi temi è necessario che Regione e Comuni interessati prendano in maniera decisa posizione - è l'invito di Boni -: il 1° febbraio abbiamo incontrato l’assessore regionale ai Trasporti, mentre giovedì 25 Febbraio saremo in audizione nella 4^ commissione Trasporti del Consiglio regionale. Abbiamo detto e diremo che consideriamo il trasporto aereo alla base della ripresa economica, non solo per i dipendenti del settore ma anche per tutta la filiera toscana che va dal turismo, alla ristorazione, al commercio. Il trasporto aereo va sostenuto non solo finanziando le imprese, ma anche ponendo attenzione ai lavoratori, soprattutto quelli a basso reddito e quelli rimasti senza stipendio". 

"Le società del settore devono essere disponibili a fare accordi con il sindacato per sostenere i lavoratori e dare prospettive di ripresa e futuro - conclude il segretario Fit-Cisl -. Inoltre è necessario realizzare le opere con gli investimenti previsti sia su Pisa che su Firenze, senza aspettare oltre. Su Firenze, in particolare, va bene il rifacimento della pista attuale, ma soprattutto occorre realizzare la nuova pista parallela per mettere definitivamente in sicurezza lo scalo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Sport

CORONAVIRUS