comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21°27° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 13 luglio 2020
corriere tv
Coronavirus, in arrivo nuove disposizioni in vigore dal 14 luglio

Politica sabato 08 febbraio 2020 ore 17:42

Il segretario Pd a Italia Viva, divampa polemica

Dimissioni Sonetti, Pieroni: “Ha tenuto il partito inchiodato per interessi personali”. Nardini:"Mix di sdegno e offesa". Italia Viva:"Lieti di lui"



PISA — "Il progetto riformista di Italia Viva esiste da qualche mese e tante sono le donne e gli uomini, in tutto il paese, che hanno voluto sposarlo e lavorare insieme perchè cresca. E' quindi sempre importante e gratificante sapere che ci sono ogni giorno persone che si avvicinano a Italia Viva perché credono nel progetto e si mettono al servizio di questo progetto entrando a far parte di un gruppo, di una squadra.
Con questo spirito il coordinamento di Italia Viva Pisa ha accolto la notizia dell'adesione al movimento politico da parte di Massimiliano Sonetti, solo fino a ieri segretario provinciale del PD. Ci fa estremamente piacere l'adesione comunicata da Sonetti, così come siamo entusiasti delle decine di adesioni che riceviamo da tutta la provincia di Pisa; di certo l'esperienza politica di Massimiliano sarà estremamente utile a tutti noi per il lavoro, duro ed importante, che abbiamo iniziato a fare da quando siamo nati e che ci apprestiamo a fare nei prossimi mesi".

Con queste poche righe postate su facebook Italia Viva Pisa ha ufficializzato il passaggio di Massimiliano Sonetti al soggetto politico creato da Matteo Renzi. Sonetti si è dimesso ( vedi articoli correlati ) poche ore fa da segretario provinciale del Pd pisano e ha subito aderito a Italia Viva, formazione per la quale sarà molto probabilmente candidato alle prossime elezioni regionali.

Immediate le polemiche e le prese di posizione. Dopo quella, molto critica di Antonio Mazzeo, da registrare anche il pensiero di Pieroni e Nardini.

Dopo mesi di latitanza si fa finalmente chiarezza su quali fossero le reali intenzioni di Massimiliano Sonetti, ormai ex segretario provinciale del Partito democratico, pronto ad accasarsi con Italia Viva – afferma il consigliere regionale Pd Andrea Pieroni –. 

Le sue motivazioni per le dimissioni, usate in maniera strumentale tra l’altro, non convincono – prosegue il consigliere –, dato che per quasi un paio di anni ha smesso di fare ciò che era suo dovere e competenza.La verità è che Sonetti, oltre ad essere il segretario della sconfitta del centrosinistra a Pisa, è colui che ha tenuto inchiodato il partito per interessi personali, facendosi scivolare addosso critiche pesanti di Sindaci e amministratori sul suo operato.
Comunque si presenta adesso l’occasione per rimettere in moto il partito provinciale, per i nostri iscritti, i militanti e gli elettori simpatizzanti, oltre che per il territorio pisano e i nostri amministratori, che spesso si sono trovati sprovvisti del supporto politico che dovrebbe dare loro un segretario provinciale ed un partito. La richiesta è che si riuniscano subito gli organismi e trovare una soluzione che eviti il commissariamento”, conclude Pieroni.

Durissima anche la reazione dell'altra consigliera regionale Pd Alessandra Nardini:

"Quando guidi una comunità politica devi rispettarla, devi vivere questo ruolo come un servizio, non usarlo finché pensi possa far comodo, saltellando da una parte all'altra a seconda delle convenienze e abbandonandolo quando realizzi che puoi ottenere una prospettiva migliore altrove.
Ho aspettato qualche ora, poi ho scritto a Massiliano poche righe. Esigevo una risposta, da Consigliera Regionale del PD, da dirigente di questo Partito e da militante. Un silenzio assordante.
Qualche notizia dai giornali, poi la conferma non solo delle dimissioni, ma anche del cambio di Partito, arrivata nientemeno che con il cambio dell'immagine di profilo e di copertina della propria pagina Facebook.
Sarebbe comico, se non fosse estremamente offensivo verso la nostra comunità politica.
Ci sarebbe da dire molto anche su quanto scritto nelle motivazioni di questa scelta, ma uso solo un aggettivo: ipocrite
.
Un mix di scuse che arriva al culmine quando si tirano in ballo le correnti da parte di uno che, appunto, è passato da una parte all'altra con tripli salti mortali carpiati in base alla convenienza momentanea, senza mai rompere il cordone ombellicale verso l'universo renziano a cui evidentemente è più affine.
Che si tiri in ballo, poi, la vicenda della scelta del candidato Sindaco a Cascina, lo qualifica ulteriormente. Di fronte ad una sfida tanto delicata ed importante nessuno si dovrebbe permettere di alimentare polemiche, fratture e divisioni.
Invece, come ė accaduto fin troppe volte, Massimiliano Sonetti ha scelto di essere non un arbitro ma un giocatore, evidentemente pensando fosse più conveniente".

È invece per me non rispettabile e avvilente che un Segretario decida di abbandonare il proprio Partito territoriale di fatto dopo averlo distrutto, svuotato, delegittimato nei suoi organismi dirigenti, mai davvero coinvolti e fatti lavorare".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cronaca