Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:18 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Attualità sabato 22 maggio 2021 ore 09:30

Ponte Riglione-Cisanello, sì a progetto definitivo

Il progetto del ponte ciclopedonale Riglione-Cisanello

Nuovo passo in avanti per realizzare il collegamento ciclopedonale fra le due sponde dell'Arno, in corrispondenza dei parcheggi dell'ospedale



PISA — La giunta comunale ha approvato il progetto definitivo del ponte ciclopedonale su fiume Arno, che collegherà l'area dei parcheggi dell'ospedale di Cisanello con la sponda dell'abitato di Riglione, in corrispondenza di via Malatesta e dell'area sgambatoio per cani. Un'opera dal costo complessivo di 3,5 milioni di euro, 2,1 milioni dei quali a carico del Comune di Pisa. I restanti sono legati ad un finanziamento della Regione Toscana, ottenibile soltanto se l'opera sarà realizzata entro il 2022.

Responsabile del progetto è la municipalizzata Pisamo, che già ha provveduto a pubblicare una manifestazione di interesse per una procedura negoziata senza bando, previa indagine di mercato, per l’appalto per la realizzazione della passerella ciclopedonale. Le ditte interessate erano chiamate a farsi avanti entro il 14 Maggio.

"Continuiamo a progettare e realizzare gli interventi previsti nel Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile, da poco approvato, compiendo un ulteriore passo in avanti decisivo verso la mobilità dolce con un'altra importante opera che dà continuità e sviluppo alla rete delle piste ciclabili in tutto il nostro territorio" ha commentato il sindaco, Michele Conti.

“Siamo finalmente arrivati ad approvare il progetto definitivo – spiega l’assessore all’urbanistica Massimo Dringoli - dopo aver introdotto modifiche sostanziali al progetto preliminare, relative alle rampe di accesso nelle aree di golena, in maniera da integrare le norme per la sicurezza idraulica entrate in vigore nel 2018. Queste modifiche, che hanno inciso sull’impatto della struttura in golena d’Arno, sia dal punto di vista idraulico che dal punto di vista paesaggistico, hanno dovuto superare i pareri del Genio Civile della Regine Toscana e della Soprintendenza di Pisa. Nonostante il ritardo nei tempi della progettazione dovuto a queste variazioni, stiamo comunque rispettando i tempi che stono stati fissati dalla Regione Toscana per mantenere i finanziamenti".

“È un vero motivo di orgoglio – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Raffaele Latrofa - realizzare un’opera di particolare importanza come un ponte, carico di valenza simbolica e funzionale. Era sicuramente da molti decenni che a Pisa non si costruiva un nuovo ponte tra le sponde dell’Arno. Si tratta quindi di un’infrastruttura che va ad arricchire la città e che stabilisce un collegamento tra due parti di Pisa che finora mancava. Grazie al nuovo ponte potremo inoltre proseguire il tratto di Ciclopista dell’Arno tra Cascina e Pisa fino ad arrivare alla foce, con un percorso collegato lungo tutto il fiume, che può rappresentare una nuova infrastruttura verde e sicura a servizio di cittadini e turisti.”

Il ponte è progettato per consentire in caso di emergenza straordinaria, soltanto nel caso in cui il Ponte delle Bocchette dovesse risultare chiuso al traffico, il transito di ambulanze e mezzi di soccorso. Dalla parte di Cisanello è previsto un tatto di viadotto che collegherà la passerella attraverso una rampa alla pista ciclopedonale che sarà realizzata dietro l’ospedale, in corrispondenza della zona dei parcheggi, da dove proseguirà il collegamento con il Viale delle Piagge. Dalla parte di Riglione il ponte si ricollegherà a via Malatesta, attraverso una rampa rilevata, posizionata in direzione parallela al fiume.

Il progetto prevede la realizzazione di una passerella “strallata”, sostenuta da due antenne metalliche alte quasi 27 metri: una struttura in acciaio e cemento armato, leggermente curva, che si sviluppa per un totale di circa 600 metri (596,54 metri) con una larghezza di 4 metri e balaustre di protezione al confine del piano viabile. La passerella è posizionata a quota +12,50 metri sul livello del mare, ad un’altezza calcolata in modo che rimanga un metro e mezzo oltre la portata massima del fiume, che è calcolata con la quota di piena registrata ogni 200 anni. Questo consente eventuali innalzamenti degli argini di circa 1,70 metri, senza dover modificare la passerella. In questo modo l’impatto dell’opera con il regime idraulico del fiume rimane secondario, limitato a ridotte porzioni di zone di golena vicine ai due argini, senza influire sul corso del fiume.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La provincia di Pisa, nelle ultime 24 ore, registra quasi cento nuove positività al coronavirus. Il dettaglio per Comune di residenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità