Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:43 METEO:PISA10°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin scocciato con la reporter Usa: «Lei è una bella donna ma non ascolta»

Attualità venerdì 31 marzo 2017 ore 17:19

Trump, paletti alla Vespa ed esplode la rabbia

Possibili dazi doganali al mercato delle due ruote da parte degli Stati Uniti. Il sindaco Filippeschi: "E' sconcertante"



PISA — La Vespa è stata un simbolo di modernità, della vitalità e dell’inventiva straordinarie dell’Italia del boom, e resta un’icona di un mondo senza barriere, che sa e può scegliere la qualità. L’iniziativa protezionista di Trump è sconcertante. C’è da sperare che la guerra commerciale che persegue deragli fin dall’inizio, com’è avvenuto per altre odiose misure”.

Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, che è anche presidente della Provincia, commenta i provvedimenti della Casa Bianca annunciati che colpirebbero anche la Piaggio e l’esportazione della Vespa, prodotto di punta del gruppo industriale di Pontedera. 

I possibili dazi doganali al mercato delle due ruote da parte degli Stati Uniti d'America spaventato. “Ci mobilitiamo, come cittadini europei, e facciamo appello ad un ripensamento. Credo che sia nello spirito positivo di tutti gli italiani, che è anche di speciale amicizia con gli Usa. Il governo, con l’Unione europea, deve far valere i nostri interessi – aggiunge Filippeschi – sfruttando l’immagine ancora fortissima del made in Italy per fare una battaglia contro il ritorno del protezionismo. E questo avviene, mentre in Europa hanno dilagato i big statunitensi della rete, che pagano tasse irrisorie e accumulano profitti stratosferici in un paese solo”.

Sul fatto interviene anche il rettore della Scuola Sant'Anna Pierdomenico Perata: "Sembra un contrasto presentare le iniziative legate alla quarta rivoluzione industriale e sentire parlare di dazi, ma il mondo è fatto così, a volte si affermano modelli che sembrano un passo indietro e che, secondo me, lo sono. Noi dobbiamo guardare avanti, a un mercato unico europeo che intanto deve rafforzarsi per dare più opportunità ai cittadini".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Unica soluzione per non perdere le spiegazioni del prof, vista l'alternanza di lezioni in presenza e a distanza e la mancanza di spazi disponibili
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità