QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°25° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 21 luglio 2019

Attualità martedì 27 novembre 2018 ore 14:20

"Caro Sgarbi, la cultura non ha prezzo"

Dario Danti seduto davanti al murale Tuttomondo (foto da Facebook)

Danti si siede di fronte a Tuttomondo: "Opera meravigliosa". Diritti in comune: "L’esperto chiamato a difendere a pagamento la gaffe dell’assessore"



PISA — "Stasera mi siedo qui, per godere di questa eterna bellezza. Tuttomondo di Keith Haring è una meraviglia. Per questo motivo è una delle rarissime opere contemporanee vincolate dal Ministero dei Beni culturali, dichiarata di interesse storico-artistico particolarmente importante. Caro Sgarbi, la cultura non ha prezzi".  Lo ha scritto su Facebook Dario Danti, l'ex assessore che lo scorso 3 novembre è stato multato dalla polizia municipale per essersi seduto su un colonnino della chiesa di Santo Stefano, in piazza dei Cavalieri. Un atto di protesta contro l'ordinanza antidegrado emanata dalla giunta Conti a cui ha fatto seguito un sit-in, organizzato dallo stesso Danti, in piazza XX settembre. Ora la protesta contro l'ordinanza si fonde con la polemica innescata dal dibattito sulla celebre opera di Keith Haring, che ha avuto luogo proprio a Pisa con ospite d'onore il critico d'arte Vittorio Sgarbi. 

L'incontro, che si è svolto nella sala Baleari di palazzo Gambacorti, ha suscitato numerose perplessità e disparate reazioni rimbalzate sui social e sulla stampa. Le critiche si sono concentrate sui contenuti del dibattito, che per molti ha sottostimato il valore artistico dell'opera, ma soprattutto sulla spesa sostenuta dal Comune di Pisa.

E' il caso del gruppo consiliare Diritti in comune, formato da  Una città in comune, Rifondazione Comunista Pisa, Pisa Possibile. Gli esponenti del gruppo d'opposizione hanno definito  l'incontro come "Un tentativo di mettere una toppa alle ennesime, improvvide dichiarazioni dell’assessore alla cultura Buscemi".

"Il Comune di Pisa - chiosa Diritti in comune- ha deciso di far spendere ai cittadini oltre 7mila euro per questo imperdibile dibattito svoltosi peraltro tra pochi intimi, perché accolto nella Sala delle Baleari, che può contenere a malapena una cinquantina di persone".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca