Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Cronaca venerdì 25 giugno 2021 ore 16:38

In carcere per due furti in abitazione

La casa circondariale "Don Bosco" di Pisa

I colpi di cui è accusato compiuti a Pappiana e a Zambra. L'uomo era comunque già in carcere, dopo essere stato arrestato ad Arena Metato



SAN GIULIANO TERME — Gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Pisa hanno tratto in arresto, in esecuzione della ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal Gip del Tribunale di Pisa, un cittadino albanese 45enne, risultato irregolare in Italia e senza fissa dimora, con a carico già svariati precedenti specifici per reati contro il patrimonio. L’uomo è ora accusato di un tentato furto in abitazione, furto in abitazione, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, reati commessi in due episodi distinti, il primo a Pappiana, nel Comune di San Giuliano Terme, e il secondo a Zambra, nel Comune di Cascina.

Era il 16 Febbraio quando un residente a Pappiana, rientrando a casa, sorprese un estraneo - oggi identificato nel 45enne albanese - allontanarsi dalla sua abitazione con un bottino in gioielli per diverse migliaia di euro. Nel tentare di sbarrargli la via di fuga si vide minacciato con un coltello di circa 25 centimetri e quindi costretto a lasciar fuggire il ladro.

L'episodio di Zambra, invece, risale al 10 Marzo scorso. Assieme ad un complice, ancora da identificare compiutamente, si era introdotto in una abitazione di via Carlo Cammeo ma, dopo aver rovistato in una camera da letto, si era visto costretto a fuggire per l'arrivo di un'auto civetta della Squadra Mobile. L’albanese, alla guida di una Audi SW, avrebbe anche tentato di investire i due poliziotti che gli intimavano l’alt, colpendone uno a una mano e procurandogli una ferita giudicata guaribile in una settimana, mentre il complice era fuggito a piedi. 

Le indagini della Sezione reati contro il patrimonio della Squadra Mobile della Questura hanno consentito di addebitare al 45enne entrambi i fatti criminosi. L'arrestato, ad ogni modo, si trovava già recluso nella casa circondariale Don Bosco: gli agenti della Squadra Volanti lo avevano arrestato il 29 Maggio in via Cavour ad Arena Metato, per un fatto analogo ai due precedenti. In questo caso un agente riuscì a bloccare il ladro dopo aver sparato un colpo in aria e dopo una colluttazione con il ladro, che ancora una volta tentava la fuga.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca