Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 29 novembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Ischia, la frana si abbatte su Casamicciola: telecamera di sicurezza riprende il momento in cui il fango trascina via l'auto

Politica giovedì 08 maggio 2014 ore 17:32

Un sit in al Galilei per salvare l'aeroporto

Il Partito socialista della provincia di Pisa è contrario alla cessione di quote Sat e annuncia una serie di manifestazioni



PISA — Il direttivo provinciale del Partito socialista si pone contro la cessione delle quote azionarie di Sat da parte della regione Toscana a favore di Corporacion America, contro l’Offerta pubblica d’acquisto avanzata dalla società (pari a 13,15 euro ad azione) e contro i nuovi orientamenti volti a costruire, nello scalo fiorentino, una pista di 2.400 metri.

“La Regione deve rivedere il progetto relativo agli aeroporti di Pisa e Firenze, orientando i suoi sforzi verso la creazione di un polo aeroportuale che crei sinergia tra i due scali, come era previsto dalla variante del Piano infrastrutture toscane del 24 luglio 2013”.
Queste le parole dell’assessore all’ambiente, allo sport e alle manifestazioni storiche Federico Eligi, che prosegue: “E’ ormai chiaro che l’obiettivo è quello di neutralizzare lo scalo pisano in favore di quello fiorentino. In origine gli accordi erano diversi, in quanto prevedevano una pista di 2mila metri, ma la
questione è stata riaperta in direzione di un allungamento della stessa di 400 metri, tradendo una decisione che era stata presa nell’ottica di creare una Holding tra i due scali. La scelta di aumentare la lunghezza della nuova pista di atterraggio di Peretola di 400 metri frantuma quindi la logica di integrazione e sinergia originariamente adottata dal Piano infrastrutture toscane e tra gli enti e la Regione”.
I socialisti pisani, insomma, sono decisi a respingere ogni forzatura che rischi di mettere le due strutture in un’ottica di concorrenza anziché di collaborazione. Sulla questione, si è espresso anche il segretario provinciale del Psi Carlo Sorrente: “Quello che chiediamo è trasparenza e valore per l’aeroporto Galilei, un
volano dell’economia toscana”.
Intanto il Psi e i Riformisti per Pisa stanno organizzando una serie di iniziative per far sentire la loro opinione sul tema: “Inizieremo con un sit-in all’aeroporto Galilei, ma non ci limiteremo a questo – assicura Eligi - faremo sentire la nostra voce e ci faremo valere affinché il progetto non vada in porto. Se questo avvenisse a rimetterci non sarebbe solo Pisa, ma tutto il Paese, perché perderebbe uno scalo nazionale dalle notevoli performance e un motore economico di tutto rispetto”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del fuoco, carabinieri e volontari stanno cercando un uomo del quale si sono perse le tracce. Perlustrate le zone di Caprona e Zambra
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alessandro Canestrelli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità