Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA15°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Laura Pausini si commuove dopo la vittoria del Golden Globe: «Sono molto emozionata»

Attualità lunedì 28 dicembre 2020 ore 08:19

Una campagna di sensibilizzazione contro i botti

"Un Altro Sentire" invece dei botti di Capodanno: ecco la campagna di sensibilizzazione a cura del Comune vecchianese



VECCHIANO — Con l'approssimarsi della fine dell'anno, l'Amministrazione Comunale di Vecchiano torna a promuovere una campagna di sensibilizzazione rivolta alla cittadinanza contro l'utilizzo dei botti e petardi che, abitualmente, vengono sparati per salutare l'anno nuovo. E per la fine del 2020 lo fa anche con una iniziativa.

“Lanciamo la campagna informativa “Un altro sentire”, che invita ad inaugurare il 2021 senza botti nel rispetto degli animali, e non soltanto: raffigurando uno spartito musicale che a prima vista è vuoto e privo di note, ma che in realtà rappresenta l’intenzione di “cambiare musica” adesso e anche per l’imminente inizio del 2021, con una tonalità che tocchi altre corde rispetto a quello del frastuono dei petardi, e che ci conduca nel nuovo anno con una rinnovata ed ambita serenità”, spiegano il sindaco Massimiliano Angori e l’assessora all’Ambiente Mina Canarini. 


“Ancora una volta puntiamo su un'azione di sensibilizzazione della cittadinanza, con la consapevolezza che sia più utile invitare alla riflessione che emanare un divieto”, commenta il Sindaco Massimiliano Angori. “Così come tanti Comuni italiani e toscani, e raccogliendo anche l’invito pervenuto da Anci, riteniamo infatti che la priorità sia informare la popolazione, per costruire, di concerto con i cittadini, comportamenti che siano espressione di un condiviso senso di responsabilità, sia individuale che collettivo. Quest’anno abbiamo pensato di lanciare una vera e propria campagna di comunicazione, per sensibilizzare le persone a festeggiare sì, ma senza eccessi anche in virtù delle restrizioni governative in atto, sia per il clima di pandemia e per contenere la curva dei contagi, sia in segno di rispetto anche di tutte le persone decedute a causa di questo orribile virus”, aggiunge il primo cittadino.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità