Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, la scheda chiusa in un sacchetto: ecco come votano i parlamentari che hanno il Covid

Cultura lunedì 24 febbraio 2014 ore 16:00

Volontari salva-monumenti, la rivolta degli storici dell'arte

In 40 firmano una nota che definisce la bozza d'accordo "precedente preoccupante a livello nazionale". E si chiedono perché proprio Amici dei Musei



PISA — Sono quasi 40. Che parlano a nome proprio, ma che potrebbero essere la voce di molte altre persone che non ci stanno ad affidare il futuro del Paese a chi non è professionista.
L’Italia, la sua storia e la sua cultura, secondo questi storici dell’arte, non può reggersi sui volontari. Neppure quella di Pisa.

“Tutti noi – scrivono - riteniamo che l'accordo voluto dal Comune di Pisa per una task force di volontari dei Beni Culturali affidata all'Associazione Amici dei Musei, che andrebbe a costituire una sorta di Soprintendenza parallela, sia non solo inutile e dannosa, ma costituisca un precedente preoccupante a livello nazionale”. Tanto che arrivano a definire la bozza d’accordo come “ennesimo segnale di un Paese in cui le istituzioni hanno ormai abdicato alle proprie funzioni”.

“Come se fossero appena atterrati dalla luna – prosegue la nota -, i soggetti riuniti al tavolo prefettizio spiegano l'enorme pregio delle opere oggetto di ammirazione a livello mondiale e di attrazione, oltre che per i numerosi visitatori, soprattutto per gli studiosi e per l'insieme della comunità cultuale di altissimo livello nazionale ed internazionale. Il panorama presentato è drammatico: si parla di degrado, danni spesso irrisolti, carente manutenzione e usura delle strutture e dei manufatti”.

I soggetti firmatari possono anche concordare nell’esigenza di porre tempestivo rimedio, “Ma non è già il compito delle istituzioni? No, l'idea è quella di non svolgere più le proprie funzioni, ma delegarle a volontari, perché le operazioni di recupero e manutentive non appaiono fronteggiabili con le sole risorse pubbliche. Stato ed enti locali abdicano alle loro funzioni e coinvolgono un'associazione amica affinché formi un esercito della salvezza di chiese, palazzi e musei. Non ci si preoccupa nemmeno di preparare i volontari nel settore della storia dell'arte e della tutela, quanto di munirli di tessera di riconoscimento, attrezzatura adeguata e formarli in materia di salute e sicurezza del lavoro. Come tutti sanno, storia dell'arte e restauro sono patrimonio diffuso, anche se sparito dall'insegnamento scolastico: tutti esperti, tutti restauratori”.

Gli storici dell’arte, a sostegno della propria tesi, portano persino la Costituzione: “Le istituzioni riunite in prefettura paiono dimenticare l'articolo 9 della Costituzione (la Repubblica tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione) affidandosi a quella che definiscono una Sezione specializzata di volontari di pronto intervento, che tanto ricorda la Guardia Padana nel campo della sicurezza. Non si pensa eventualmente di reclutare giovani laureati in Conservazione dei Beni Culturali o diplomati nelle scuole di restauro, che loro specializzati lo sono per davvero ma volontari non vorrebbero e dovrebbero esserlo. Non ci sono soldi, dunque ci si affida a un'associazione privata composta da volenterosi appassionati di musei”.

Ma il punto per i firmatari è anche un altro: “com'è stata individuata questa associazione, già invitata al tavolo del 3 febbraio? Forse per i meriti nella sponsorizzazione, tra i tanti, del progetto degli Uffizi Pisani, ideati dall'ex Soprintendente Malchiodi? Non è un caso, allora, che proprio a ‘un ex Sovrintendente’ si intenda affidare il coordinamento generale”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, di Viareggio, era in bici con il marito lungo l'Aurelia ed è stata ricoverata in gravi condizioni. E' caccia all'automobilista pirata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità