QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 22°36° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 29 agosto 2016

JAZZ CORNER — il Blog di Leonardo Boni

Leonardo Boni

LEONARDO BONI - Un giovane economista, appassionato di basket che nei timeout coltiva un grande interesse per la musica e per il jazz.

Un locale che mozza il fiato

di Leonardo Boni - martedì 29 dicembre 2015 ore 21:28

Il Village Vanguard è un locale Jazz, e si trova a Greenwich Village, South Manhattan, New York. E ci potremmo anche fermare qui. Un locale Jazz come ce ne sono a decine in questa zona della città.

Un locale piccolo, che può vantare al massimo 100 posti a sedere, con un palco di circa 10 metri quadrati, a strettissimo contatto con il pubblico. Vi si entra da una porticina dall’Avenue, dopo aver fatto una ventina di ripide scale in discesa, e dopo aver tolto un sipario che introduce poi alla sala.

Il primo impatto mozza in fiato. Si sente che l’aria è impregnata di musica, e che le pareti riecheggiano Jazz da oltre 80 anni. Il soffitto è basso e i tavolini sono tondi, molto vicini l’un l’altro e con qualche sedia attorno. Dalla parte opposta al palco, un bel bar che serve cocktail di alto livello.

C’è una bella differenza però tra il sentir parlare di un locale e il viverlo. Un abisso. Fino a circa 10 giorni fa ne avevo sentito parlare come uno dei luoghi in cui il Jazz ha permesso ad artisti come John Coltrane e Thelonious Monk di fare la loro gavetta e di esprimersi all’inizio della carriera. Tuttò ciò è tanto emozionante ma mai quanto sentir suonare qualcuno

In questo caso, il Christian McBride Trio era in scena quella sera ed il Village Vanguard era pieno di newyorkesi di ogni età, più o meno eleganti, venuti a gustarsi la miglior musica del mondo in uno dei locali più autentici di sempre.

L’acustica era perfetta, ed il livello di Jazz portato in concerto dal trio è stato altissimo: ad accompagnare Christian McBride, leader al contrabbasso, c’era Christian Sands, giovanissimo prodigio al pianoforte, e Jerome Jennings, fantastico batterista. Non conoscevo il gruppo, ed è stato una stupenda scoperta. Hanno eseguito varie canzoni scritte da McBride ed alcuni classici Jazz come Autumn Leaves.

Due ore intere a suonare divinamente ed interagire con il pubblico come se fossimo nel salotto di una grande casa, in intimità e grande simpatia. Un’emozione unica per chiunque ami la musica, è vivere serate e momenti così, completamente circondati ed avvolti da storia e Jazz.

Leonardo Boni

Village Vanguard -- The Very Early Years

Articoli dal Blog “Jazz Corner” di Leonardo Boni

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Cronaca

Cronaca