comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 21°31° 
Domani 21°34° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 12 agosto 2020

LEGGERE — il Blog di Roberto Cerri

Roberto Cerri

ROBERTO CERRI - Spunti ed opinioni del Direttore della Biblioteca Gronchi di Pontedera su libri, lettura, biblioteche, educazione permanente e su come tutte queste cose costituiscano una faccia importante dello sviluppo delle comunità.

Ma leggere rende liberi ?

di Roberto Cerri - lunedì 04 maggio 2015 ore 08:19

La mia risposta secca a questa domanda è NO. Però leggere è importante. Apre la mente. Consente di pensare. Farsi un'idea di come vanno le cose, partorire un'opinione. Elaborare una credenza. Solo leggere ci aiuta a decifrare il mondo e a confrontarci con i pensieri degli altri. Ma l'atto o anche la professione del leggere non genera immediatamente libertà. Tutt'al più la lettura può far sorgere il desiderio della libertà, infiammarci il cuore e la mente con l'idea di libertà, spingerci verso la conquista della libertà. 

Ma leggere non produce meccanicamente libertà. Di questa cosa gli stessi lettori più accaniti sono i primi a rendersene conto. La conoscenza dei libri e dei giganti del pensiero certamente aiuta a diventare liberi (magari all'interno di un proprio spazio mentale) e a sopportare con dolore una eventuale dittatura (e quindi servitù). Ma non ci sono relazioni meccaniche tra lettura e libertà. Può sembrare una contraddizione, ma è così. Si può essere analfabeti e liberi, come si può essere letterati e schiavi (o “servi” e “servili” nel senso deteriore che queste parole hanno nella loro accezione popolare). E di intellettuali “servi” gli esempi si sprecano anche nella contemporaneità.


Insomma per essere liberi non basta sapere le cose, aver studiato e letto un certo numero di buoni testi. Occorre essere persone forti, avere un lavoro che non ci condizioni troppo, e poi saper resistere ai potenti, saper dire di no alle persone che contano, non aspettarsi e non chiedere favori da chi sta al vertice della piramide e controlla enti e risorse. Tutti atteggiamenti e processi non facili da sostenere. Giorno per giorno. Ora per ora. E la libertà (insieme all'indipendenza di giudizio) non si conquista per sempre. La libertà è una lotta, che si fa ancora più dura nei periodi di crisi, quando i ricatti aumentano, l'autonomia diminuisce, il lavoro scarseggia e l'obbedienza viene premiata. Già, quando mi volto indietro, basandomi sulla mia esperienza personale, ho l'impressione che siamo tornati a vivere in un clima di fedeltà e di fiducia personale. 

Una fedeltà che non è più verso un'idea, verso istituzioni, verso partiti o verso associazioni, ma, in maniera molto più negativa, mi pare si tratti di una fedeltà che si esprime come un omaggio verso gli uomini che presiedono le istituzioni e che guidano e dominano i partiti. E lo fanno non con quello spirito “pro-tempore” che dovrebbe caratterizzare una democrazia matura. No l'omaggio, la fedeltà e il vassallaggio vanno a uomini che le istituzioni, i partiti e le associazioni le hanno conquistate, scalate, strappate ad altri e occupate. E quindi non le governano, ma le dominano come se fossero cose loro, beni privati, di cui disporre liberamente, con un eccesso di passione e di coercizione. 

Del resto per scalare istituzioni e partiti questi dominatori hanno ordito congiure, costruito cordate, fatto promesse, dispensato favori, creato proprie coorti, pretendendo dai propri pretoriani una fedeltà assoluta, in cambio di più o meno laute ricompense. E il familismo amorale degli italioti, noto agli antropologi culturali da oltre 60 anni, è andato a nozze con questi processi di fidelizzazione. Emblematico e maramaldesco esempio di questa cultura è il famoso tweet “Stai sereno!” con il quale si annunciava l’avvio della defenestrazione di un amico (?) di partito e se ne prendeva il posto. Ma di questi esempi non è pieno solo l'alto dei cieli della politica romana, ma anche la bassa cucina che ci sta a portata di mano. Anche qui gli uomini valgono per il grado di fedeltà che esprimono. E vengono premiati di conseguenza. 

Ma se così va il mondo (e va così), allora resistere alle relazioni di fiducia e di fedeltà “personali”, a questa specie di moderno feudalesimo, pieno di vassalli, valvassori e valvassini, è difficilissimo. Per i giovani (più ricattabili) e per i vecchi (patetici e paurosi). Perché rifiutare la fedeltà personale, dichiararsi liberi, significa mettersi fuori dalla cordata, fuori dal coro, fuori dalla consorteria e quindi collocarsi tra gli infidi, i sospetti, i potenziali nemici. E non conta neppure condividere le idee generali del boss di turno. I conquistatori del potere non vogliono che uno la pensi come loro (anche perché loro cambiano continuamente idea a seconda delle circostanze e di quello che gli torna più comodo). Pretendono fedeltà. Se ne infischiano della tua anima. Vogliono poter contare su di te. Sempre e comunque.

E allora essere liberi oggi (come ieri) non è affatto facile. Per tenere la schiena dritta, non basta aver letto molto. Servono anche carattere e coraggio. Ce lo ricorda l'immenso Manzoni che apre “I Promessi Sposi” con un uomo di chiesa che legge e che sa di latino, ma che si piega alla forza dei “bravi” e alle minacce del signorotto locale. No, leggere non bastava ieri e non basta oggi per essere liberi. Occorre qualcosa di più. Molto di più.

Roberto Cerri

Articoli dal Blog “Leggere” di Roberto Cerri

 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca