Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:45 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Caso Cospito, in Senato scoppia la bagarre per le parole di Balboni (FdI). Il Pd lascia l'aula per protesta

Politica venerdì 19 febbraio 2021 ore 17:51

Addio del segretario comunale con veleni

Il Municipio di Cascina

Il segretario Nobile si è preso un buon quarto d'ora per commentare con amarezza la sua sostituzione. Dure parole dall'ex sindaco f.f. Rollo



CASCINA — Son volate parole grosse nella seduta consiliare di ieri, apertasi con l'amaro addio del segretario comunale Roberto Nobile che dal 1 Marzo sarà sostituito da Paolo Di Carlo. "Tempi, modi e motivazioni mi hanno lasciato veramente amareggiato, deluso profondamente, anche esterrefatto - queste le parole di Nobile sulla scelta della nuova giunta di sostituirlo -, perché poi le motivazioni erano sostanzialmente di ordine politico, non entro nei particolari, ma non andavano a toccare l'aspetto della mia professionalità. Tant'è che lo stesso sindaco quando mi ha comunicato la sua decisione si è mostrato anche dispiaciuto".

Nobile si è quindi preso un buon quarto d'ora per sottolineare quanto fatto a suo dire di buono rispetto alla precedente gestione dal 7 Gennaio 2020, giorno dal suo arrivo, assicurando anche di aver anteposto spesso il bene dell'Ente alle esigenze personali. "Io politica non ne ho mai fatta, non la faccio e non la farò" ha quindi concluso con amarezza, rivolgendo un particolare ringraziamento al già sindaco facente funzione e ora consigliere comunale, Dario Rollo.

A seguire lo sfogo e alcune offese lanciate da Rollo, fuori microfono, cui è stata negata la parola chiesta per ringraziare a sua volta Nobile. Il consiglio è poi proseguito con vari momenti di tensione finché, nel finale, è uscita anche una bestemmia dalla bocca di un consigliere comunale.

"Il consiglio comunale di ieri ha visto un accendersi dei toni - ha commentato oggi il sindaco, Michelangelo Betti -, che sono andati oltre quelli compatibili col livello da tenere in un’assemblea degli eletti. È imbarazzante veder scendere il confronto istituzionale fino al limite della rissa da bar. Di certo è stato superato il limite tollerabile, anche perché, come recita l’articolo 54 della Costituzione, “i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore”. Nell’ultima seduta alcuni consiglieri hanno tradito il dettato costituzionale". 

"In effetti - ha aggiunto il primo cittadino - non si tratta della prima volta, ma pare che, forse inconsapevolmente, ci sia una tendenza a volersi spingere sempre oltre. Chi ha ricevuto offese valuterà come muoversi, ma è di certo triste vedere certi comportamenti e toni in chi dovrebbe rappresentare l’istituzione e i cittadini. Se qualcuno storce la bocca di fronte al “politicamente corretto”, conto di poter almeno affermare che una maggiore continenza verbale sarebbe di certo opportuna. Spero che si sia toccato il fondo e si torni a salire (sarebbe fuori luogo veder qualcuno mettersi a scavare)".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Apre la clinica odontoiatrica del futuro grazie a dei medici pisani: tecnologia di realtà virtuale e aumentata e struttura calata nel paesaggio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

Cronaca