Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Politica giovedì 02 settembre 2021 ore 15:00

"Rollo chiede servizi che lui non ha attivato"

L'assessore Claudio Loconsole

Così l'assessore Loconsole che assicura di essere al lavoro per i servizi di pre e dopo scuola, richiesti dal consigliere di minoranza ex sindaco f.f.



CASCINA — "Sembra che i consiglieri Dario Rollo e Lorenzo Peluso abbiano la memoria corta - queste le parole dell'assessore comunale all'istruzione, Claudio Loconsole -. All'inizio di Settembre dello scorso anno, quando Rollo era facente funzione di sindaco a Cascina, i servizi di pre e post scuola e di doposcuola per l'a.s. 2020/2021 non sono stati attivati affatto per tutto l'anno scolastico. Questa amministrazione, invece, è fermamente convinta della necessità di offrire tali servizi e ha messo a bilancio quanto necessario (già prima dell'estate) per organizzare il pre e post-scuola e per assicurare la mensa per il doposcuola".

L'amministrazione comunale respinge così al mittente le accuse mosse dal gruppo di opposizione 'Valori e Impegno Civico Dario Rollo'.

"Sempre prima dell'estate - ha proseguito l'assessore Loconsole -, ho personalmente incontrato diverse volte le Dirigenti scolastiche dei 3 Istituti Comprensivi del territorio per pianificare i servizi, inclusi anche i servizi di trasporto e di refezione scolastica, nel rispetto delle regole di sicurezza per il contenimento della diffusione da Covid-19. L'ultimo incontro con le dirigenti è avvenuto il 26 Agosto in Comune. In tale incontro si è discusso del bando di pre e post scuola del Comune di prossima uscita e dei bandi per il doposcuola del Borsellino e del De Andrè andati, purtroppo, deserti. Stiamo cercando una soluzione alternativa per il doposcuola anche se le associazioni e le cooperative disponibili ad offrire il servizio scarseggiano molto probabilmente per questioni dovute alle regole Covid-19".

"Se Rollo e Peluso si chiedono come mai i servizi si riescono ad organizzare in strutture private, ma non nelle scuole pubbliche - ha specificato l'assessore -, le motivazioni principali sono due. La prima è stata già individuata da loro, i prezzi. I prezzi sono elevati perché ci sono stati aumenti di costo del servizio. La seconda motivazione è da ricercarsi nella possibilità di organizzare gruppi misti (provenienti da diverse classi di scuola) di bambini e bambine. Infatti, i servizi saranno erogati se la possibilità di organizzare gruppi misti, ma stabili, di bimbi dovesse essere assicurato per le scuole pubbliche considerando l'andamento della situazione epidemiologica".

"Ad ogni modo - ha concluso Loconsole -, se il consigliere Rollo fosse stato così interessato alla questione avrebbe presentato in Consiglio Comunale l'interrogazione già a Luglio e gli avrei risposto come ho sempre fatto con tutti i consiglieri. In realtà, era assente nella prima parte della seduta di Consiglio inclusa quella relativa alle interrogazioni, mentre era presente nella parte successiva della seduta".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca