Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:06 METEO:PISA18°28°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 04 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Alla scoperta della «Pompei sommersa»

Spettacoli mercoledì 17 dicembre 2014 ore 13:32

Concerto di Natale, musiche in Cattedrale

In programma l'orchestrazione della Messa in do maggiore op.86 di Beethoven. Riccardo Donati dirige la Cappella musicale della cattedrale di Pisa



PISA — Tutto pronto per il consueto appuntamento con il Concerto di Natale, organizzato dall’Opera della primaziale pisana con il sostegno della Fondazione Pisa. In programma per sabato 20 dicembre alle 21, nella Cattedrale di Pisa ci sarà l'orchestrazione della Messa in do maggiore op.86 di Ludwig van Beethoven. Sarà il maestro Riccardo Donati a dirigere la Cappella musicale della cattedrale di Pisa e l’orchestra ospite sarà l’Orchestra da Camera di Mantova.

La Messa in do maggiore op 86, fu composta più di dieci anni prima di uno dei capolavori del compositore tedesco, la Missa Solemnis, e quasi sempre viene considerata come una sorta di esercizio preparatorio, di prova generale rispetto alla “sorella” ben più famosa e omaggiata, sebbene di proporzioni minori e con un organico più ridotto. Beethoveen diede vita alla sua prima Messa fra la primavera e l’estate del 1807, su precisa richiesta del principe Nikolaus Esterházy che ogni anno faceva eseguire una messa come dono di onomastico alla consorte, nel suo castello di Eisenstadt, al confine tra Austria e Ungheria. Ed è proprio in quello sfarzoso maniero che la Messa in do maggiore fu eseguita per la prima volta il 13 settembre 1807, diretta dallo stesso Beethoven. L’opera non ebbe il gradimento del principe e degli altri invitati, che la ritennero troppo innovativa e poco conforme allo stile dell’epoca. Il compositore di Bonn si discostò infatti dai canoni del tempo e se da un lato continuò, soprattutto nel Gloria e nel Credo a privilegiare una canonica scrittura polifonica, dall’altro fece indubbiamente ricorso a strutture maggiormente sinfoniche, dando modo all’orchestrazione di manifestare una maggiore libertà tematica, svincolata dalle rigide forme coeve.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto in Corso Italia. Il ladro è stato rintracciato e arrestato da una pattuglia della polizia municipale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS