QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 15° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 27 maggio 2019

Politica sabato 19 aprile 2014 ore 12:32

"Il partito sta lavorando per scongiurare la svendita dell'aeroporto pisano"

Sel ha chiesto il rinvio del voto sulla variante affinché si chiariscano gli assetti societari in Sat



PISA — “Anche Sel ha chiesto il rinvio del voto sulla variante affinché si chiariscano gli assetti societari in Sat". Lo fa sapere Simonetta Ghezzani, capogruppo Sel in consiglio comunale.
"Sel ha valutato la necessità di ricollocare la questione variante nello scenario più vasto che si è venuto a determinare, uno scenario che comprende in modo del tutto irrituale la possibilità della privatizzazione dell'aeroporto pisano a seguito all'Opa del magnate argentino".

Secondo Sel, però, "è tutto il sistema aeroportuale toscano e la prospettiva della holding, a rischio: lo rilevano i recenti documenti acquisiti dal consigliere regionale Romanelli che mostrano come il masterplan di sviluppo di Firenze richieda la necessità di un investimento pubblico di 120 milioni di euro per l'allungamento della pista di Peretola, una prospettiva mai contemplata dagli studi per la creazione della holding e assolutamente iniqua se si pensa che Sat aeroporto a maggioranza pubblica ha sempre reinvestito il 70 per cento dei propri ricavi sulle opere di miglioramento dello scalo, mentre Adf, aeroporto privato si troverebbe a godere, contro anche le direttive europee per la tutela della concorrenza, di un fiume di denaro pubblico, peraltro espressamente vietato nel piano regionale di programmazione urbanistica.

Vi è poi una preoccupazione politica che va la di là dei confini municipali: l'allungamento della pista di Peretola, un affare da 250 milioni di euro, appare per la sua impraticabilità progettuale (dovrebbe esser costruita in una zona paludosa, dove si trova il parco agricolo della piana e oasi del WWF) un enorme affare speculativo nel quale si arricchiranno pochi spregiudicati e alla comunità rimarrà solo un pugno di mosche.

Il rischio intanto immediato e che le montagne di soldi promessi da Renzi per il G7 del 2017 inquinino il mercato e le prospettive di sviluppo di Sat, mettendo i soci del patto di sindacato di Pisa e Firenze nella condizione di svendere il proprio capitale. Non sappiamo poi quanto pesino i gruppi di potere che ruotano intorno alla affare Eurnekian: gruppi che coinvolgono il vertice del Monte dei Paschi, l'americano Ledeen, il presidente di ENAC Vito Riggio (che è andato a festeggiare l'aeroporto armeno di Erevan di proprietà di Eurnekian) e ovviamente tutta la cordata renziana che si esprime in primis nella figura del presidente di ADF Carrai.

Il nostro partito sta lavorando in sinergia con il quello di Firenze e il consigliere regionale Romanelli per scongiurare il rischio concreto di svendita dell'aeroporto pisano a un privato coinvolto nel crack della compagnia Volare, e con un vettore sequestrato in Argentina per traffico di stupefacienti.

Il consiglio regionale toscano sarà chiamato a decidere della vendita del 17 per cento delle azioni di SAT, così come la Fondazione cassa di risparmio di Pisa, proprietaria del 8,6 delle azioni, entrambe parti essenziali de patto di sindacato pubblico.

Il tutto per rincorrere manovre speculative a Firenze, contro un aeroporto, quello pisano che invece ha solidi piani di sviluppo.

Sat a Pisa è un patrimonio pubblico. Vi lavorano migliaia di persone. Oggi non si può ragionare solo in temini di vantaggio patrimoniale immediato, anche se le sirene della crisi incantano, ma in termini di difesa degli interessi di un territorio che ha dato vita ad una esperienza virtuosa di impresa pubblica, che ha investito risorse pubbliche per tutelare territorio e lavoro”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Politica

Politica