Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:08 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Il 93,4% delle classi è in presenza»

Lavoro lunedì 07 aprile 2014 ore 15:14

Suolo pubblico, quando la tassa aumenta del 300%

ConfcommercioPisa sta raccogliendo le segnalazioni dei commercianti del centro



PISA — A un ristorante in via Santa Maria a Pisa che fino al 2013, per 32 metri quadrati di occupazione suolo pubblico, pagava 7mila euro di canone annuo Cosap è arrivata la cartella per il 2014: 10.400 euro per 5 mesi, da aprile ad agosto.
Per il 2014, quindi, il gestore dovrebbe pagare 24.960 euro, con un aumento superiore addirittura al 300 per cento della tassa.
Questa è una delle storie raccolte da ConfcommercioPisa, che racconta una Cosap aumentata a Pisa in pochi mesi di oltre al 100 per cento.
Ma se questa situazione potrebbe profilarsi come un caso di cartella “pazza” altri aumenti della Cosap sono consolidati nell'ordine del 100 per cento. La segnalazione di altri locali, tra cui uno con una concessione di 29 metri quadrati in una piazza del centro storico, ha visto salire il canone dai circa 300 euro mensili fino ai 700 euro del 2014. Dall'oggi al domani, con un colpo di bacchetta magica, lo stesso suolo ha un costo praticamente raddoppiato.
Per Federico Pieragnoli, direttore di ConfcommercioPisa, questa situazione non è sostenibile: “Qualcuno ci deve dire con quale motivazione sono stati approvati questi aumenti del tutto incomprensibili. Qualcuno dovrà spiegarci perchè si è deciso di gravare, sotto la cappa di una crisi economica senza precedenti, in maniera ancora più pesante sugli imprenditori che offrono un servizio qualificato a clienti e turisti. Se l'obiettivo è quello di spogliare Pisa di servizi e attività commerciali, questi aumenti vanno esattamente in questa direzione. Occorre rivedere al più presto queste tariffe.
Enrico Guardati, presidente Fipe ConfcommercioPisa, che rappresenta i pubblici esercizi pisani, ha qualcosa da aggiungere: “Tra mille difficoltà, facciamo di tutto per comprimere i prezzi, per continuare ad essere competitivi e venire incontro alle esigenze e disponibilità dei nostri clienti. Uno sforzo e una sfida, un segnale di fiducia che lanciamo ogni giorno all'esterno. Poi, però, veniamo presi di mira da insostenibili aumenti di tariffe, che alla lunga ci costringono a scelte dolorose, come il dover per forza aumentare i prezzi o peggio ancora, il rinunciare ad assumere nuovo personale. Facciamo sacrifici enormi, sudiamo ogni euro che riusciamo a guadagnare, rischiamo però di vedere vanificato il nostro lavoro per scelte inaccettabili”.
Anche Massimo Rutinelli, presidente del Centro Storico di ConfcommercioPisa denuncia questi aumenti: “Rischiamo di pagare più di suolo pubblico che di affitto degli stessi locali. Per questo mi auguro che nell'incontro di lunedì mattina con l'assessore Serfogli le nostre richieste di una riduzione del 50 per cento possano essere accolte pienamente, senza nessun tipo di riserva”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Navacchio. Il motociclista, sbalzato dal mezzo, è finito prima contro il guard-rail e poi nella scarpata a bordo strada
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica