QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi -0°6° 
Domani 4° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 22 gennaio 2019

Attualità sabato 04 ottobre 2014 ore 18:00

Pisa al centro del Salone nautico di Genova

Il disegno del “Circuito delle vie d’acqua” al centro di un'iniziativa promossa dalla Navicelli Spa. Gli interventi di Pieroni e di Confcommercio



PISA — Il disegno del “Circuito delle vie d’acqua” – Mar Tirreno, Arno, Incile, Canale dei Navicelli, Canale Scolmatore, Mar Tirreno – va verso la dirittura d’arrivo.

È uno dei punti salienti emersi al Salone Nautico 2014, in corso di svolgimento a Genova e giunto alla 54esima edizione.

La grande rassegna in scena nel capoluogo ligure vede anche quest’anno la partecipazione del Polo Pisano della cantieristica e del diportismo. E dove ha avuto luogo la tradizionale illustrazione – organizzata dalla Navicelli Spa, con la presenza di istituzioni locali e associazioni di categoria – dello “stato dell’arte” riguardante lo sviluppo del porto turistico a Marina e degli altri progetti in atto nel settore.


Compreso quello delle “Vie d’acqua”, alla cui messa in atto concorrono più attori; e al quale la Provincia contribuisce, tra l’altro, come capofila del piano d’interventi per il potenziamento del tratto di confluenza a mare dello Scolmatore.

Siamo ormai prossimi – dice Pieroni – al semaforo verde per i cantieri che porteranno alla realizzazione della foce armata, al dragaggio del fondale della foce stessa, al ripascimento (con quelle sabbie) degli arenili al Calambrone”.

Un insieme di opere (del valore di 15 milioni di euro e destinato a essere completato con il successivo adeguamento dei ponti stradali di attraversamento) che renderanno navigabile il tratto finale del canale, creando un vero e proprio circuito di “strade idriche” con l’Arno e con i Navicelli (dando loro sbocco diretto a mare).


“Con questo passo – prosegue Pieroni – la nautica pisana si proietta verso il futuro e pone le basi per un’interrelazione, con gli analoghi ‘poli’ delle altre province toscane costiere, tale da dare senso anche a quella dimensione di Area Vasta di cui si parla da anni, ma senza ancora averle dato contorni concreti”.

E sulla vicenda c’è da registrare un intervento di Federico Pieragnoli, direttore di Confcommercio.

“La Toscana riveste un ruolo di primissimo piano nel settore della nautica - sottolinea Pieragnoli - terza regione per distribuzione percentuale di aziende nautiche e per numero di addetti. Le vie navigabili interne assumono una funzione strategica molto importante per l'economia regionale e, in questo contesto, le premesse che Pisa può vantare sono eccezionali. A partire dai 16 chilometri del canale dei Navicelli, che collega la Darsena Pisana al porto di Livorno e riveste un’importanza decisiva dal punto di vista logistico, situato in prossimità di infrastrutture fondamentali come l'aeroporto internazionale, l'interporto, l'autostrada, lo snodo ferroviario”.

Oltre la logistica, per il direttore sono molte le frecce all'arco della nautica pisana: “Insediamenti produttivi nell'ampia area della cantieristica dei mega yacht in Darsena; attività turistico commerciali, imperniate sulla novità del nuovo porto di Boccadarno; servizi a valore aggiunto per la nautica da diporto, con la costellazione dei rimessaggi nautici insediati sulla Golena d'Arno”.

Per il direttore di ConfcommercioPisa, l'eccesso di burocrazia rappresenta però “ una pesante spada di Damocle. Occorre liberare gli imprenditori da questo fardello per cogliere al massimo le straordinarie opportunità che il nostro territorio ci offre”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca