Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:56 METEO:PISA15°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 21 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Kabul, una troupe di giornalisti viene aggredita durante una protesta per i diritti delle donne

Spettacoli giovedì 23 maggio 2019 ore 09:12

Cantando nell'Arcobaleno

Pinkriot Arcigay Pisa e GLAUCO - Associazione Universitaria LGBTIQ+ presentano la prima rassegna di cori LGBTIQ+. Sabato 25 Maggio presso la Gipsoteca



PISA — A pochi giorni dal 17 Maggio, Giornata Internazionale contro l'omo-lesbo-bi-transfobia, Pinkriot Arcigay Pisa e GLAUCO - Associazione Universitaria LGBTIQ+ presentano “Singin' in the Rainbow”, la prima rassegna pisana di cori LGBTIQ+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender, Intersessuali, Queer).

Il concerto si terrà sabato 25 Maggio alle ore 17:30,presso la Gipsoteca di Arte Antica dell'Università di Pisa in Piazza S. Paolo all'Orto n.20. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti.

Tre i cori arcobaleno coinvolti nell’evento: lo storico Roma Rainbow Choir, primo coro LGBTIQ+ nato in Italia, in attività fin dal 2006, Choreos, formazione fiorentina nata due anni fa all'interno di IREOS - Comunità queer autogestita, e infine Parruccoro, ensemble formatosi nel 2013 e specializzato in musica antica.

I tre cori proporranno un repertorio estremamente eclettico, mescolando canzoni pop, melodie tradizionali, colonne sonore, composizioni rinascimentali e sigle televisive.

Ad aprire la rassegna sarà il Coro della Scuola di Musica Orfeo di Pisa.

“Singin' in the Rainbow” si inserisce nel cartellone di concerti "In Coro Contro l'Omo•Bi•Transfobia" di Cromatica LGBT, associazione nazionale dei cori arcobaleno (http://www.cromaticalgbt.it/) e nel calendario di avvicinamento al Toscana Pride, che si terrà a Pisa il 6 Luglio 2019 (www.toscanapride.eu).

I cori che si esibiranno sono composti da persone di tutti gli orientamenti sessuali e di tutte le identità di genere, per dimostrare che l'essenza stessa di un coro è fatta di inclusività, di aggregazione, di rispetto e valorizzazione delle differenze, che sono la base dell'arricchimento reciproco e senza le quali non potrebbero esistere la libera espressione, l'arte e neanche la musica.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lavori in corso per realizzare la segnaletica orizzontale di una corsia per biciclette nei quartieri San Marco e San Giusto. Il Comune spiega cosa è
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS