Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA16°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 22 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Anniversario Falcone, la sorella Maria: «Non dimenticherò mai la maglia verde di Borsellino alla quale mi abbracciai»

Attualità giovedì 27 gennaio 2022 ore 17:15

"Coltivare la Memoria è un dovere morale e civile"

L'intervento del sindaco Michele Conti durante il Consiglio comunale dedicato al Giorno della Memoria. Le iniziative proseguiranno fino al 31 Gennaio



PISA — "Coltivare la Memoria è un dovere morale e civile". Lo ha detto il sindaco Michele Conti nel suo intervento durante il Consiglio comunale straordinario dedicato al Giorno della Memoria.

"Anche quest’anno - ha detto Conti- ci troviamo costretti a celebrare il Giorno della Memoria, nel pieno della pandemia che, da quasi due anni ormai, ha condizionato le nostre vite e provocato tanti lutti, dolori e sofferenze. Il Comune di Pisa, nonostante le difficoltà del caso, intende celebrare nel modo migliore possibile questa ricorrenza, con iniziative che si svolgeranno nell’arco di tutta la giornata, e anche nei prossimi giorni. Siamo sempre stati attenta infatti, a sensibilizzare la cittadinanza su questa solenne ricorrenza, riconosciuta dall’Italia e dalla Organizzazione delle Nazioni Unite come Giornata Internazionale di commemorazione in memoria delle vittime dell’Olocausto. In particolare ci siamo impegnati nel coinvolgere le scuole cittadine con iniziative che riuscissero a trasmettere la conoscenza e la testimonianza di quel che accadde in quegli anni precedenti e contemporanei alla Seconda guerra mondiale"

"Purtroppo - ha aggiunto il sindaco- lo scorso anno siamo stati costretti a interrompere le nostre attività, eccetto la commemorazione solenne in Consiglio Comunale. Tuttavia, proprio la Giunta da me presieduta deliberò la intitolazione di uno spazio pubblico alla memoria di Anna Frank, la cui vicenda è stata una delle testimonianze più importanti dei crimini del nazismo. In città non c’era ancora uno luogo a lei dedicato ma dal settembre scorso, il suo nome, campeggia nella rotatoria sull’Aurelia, all’ingresso del Parco di San Rossore. Un luogo individuato non a caso. Come sappiamo, fu proprio all’interno della tenuta reale che vennero firmate le leggi razziali che permisero al Regime la vergogna delle discriminazioni di migliaia di nostri concittadini, che subirono ingiuste espulsioni dai luoghi di lavoro pubblici, dalle scuole e che infine subirono deportazioni e lutti. Pisa, purtroppo, ha legato il suo nome a questo passaggio doloroso della storia d’Italia. Ed è perciò tenuta, con le sue istituzioni, a fare sempre un di più per non dimenticare, come facemmo nel 2019 quando il Consiglio Comunale, all’unanimità, votò la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre per il contributo “da lei fornito per tramandare alle future generazioni la memoria dell’olocausto”. A lei poi, il nostro Ateneo ha conferito la Laurea honoris causa in Scienze per la Pace".

"Compito dei testimoni  -ha proseguito Conti- è fare in modo che certe pagine della storia non vadano dimenticate, ricordando la propria vicenda e raccontandola agli altri, in particolare alle giovani generazioni. Compito delle Istituzioni è fare in modo che quelle vicende, quei ricordi, diventino memoria collettiva, patrimonio condiviso di una comunità, città o Nazione che sia, per evitare che possano ripetersi in futuro. Coltivare la memoria è, dunque, non solo un utile esercizio ma un dovere morale e civile per fare in modo che il virus della barbarie e della inciviltà non attecchiscano più e non contagino le nostre vite e la vita democratica della Nazione".

Fino al 31 Gennaio, l'atrio di Palazzo Gambacorti ospiterà la mostra divulgativa L'Olocausto raccontato dallo United States Holocaust Memorial Museum, a cura dell'associazione Il Mosaico.

Il 31 Gennaio alle 15,30 alla biblioteca comunale Sms in via S. Michele degli Scalzi sarà presentato il libro di poesie La voce di Auschwitz di Maria Cristina Coppini. Interverranno la poetessa e critica d'arte Sandra Lucarelli e il poeta Alessandro Scarpellini.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La polizia amministrativa sanziona un club del litorale, contestando diverse violazioni. Il Comune diffida dall'attività di pubblico spettacolo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Cultura