comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:57 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Lo scontro tra Gomez e Calenda a Piazzapulita: «Vuole insegnare il mestiere al Prof. Galli»

Attualità lunedì 30 novembre 2020 ore 09:00

Infermieri, ostetriche e oss, il ringraziamento

Lettera aperta del direttore del dipartimento delle professioni infermieristiche ed ostetriche:"Un pensiero di stima, rispetto ed affetto"



PISA — "Ogni giorno ci sono infermieri, ostetriche ed operatori socio sanitari che nella nostra Azienda sono impegnati su tutti i fronti per contrastare il contagio da Covid 19 nei 13 ospedali, nelle migliaia di chilometri quadrati del territorio: nelle Rsa, nei drive through, nelle Usca, nei pronto soccorso, nelle terapie intensive e sub intensive, in tutti i setting assistenziali, negli ambulatori, nei punti nascita e in tutte le altre centinaia di articolazioni aziendali. 

Hanno dimostrato da sempre, e stanno dimostrando ancora, di avere uno spirito di servizio e un senso del dovere che vanno ben oltre quanto sarebbe loro richiesto. Lavorano in squadra tra di loro, con i medici, con i tecnici, sostituiscono i colleghi assenti (in alcuni casi anche per il Covid, perché il contagio riguarda anche il personale, come il resto della popolazione). E si emozionano quando riescono a far fare ad un paziente una videochiamata a casa per fargli vedere i propri cari. 

E' anche grazie a queste donne e a questi uomini, e al loro impegno quotidiano, che il nostro sistema sanitario sta reggendo l'urto della seconda ondata pandemica

Mirco Gregorini, direttore del Dipartimento delle professioni infermieristiche ed ostetriche dell'Azienda USL Toscana nord ovest, sceglie queste parole per portare il suo pensiero direttamente in mezzo agli infermieri, alle ostetriche e agli Oss dell’AUSL Toscana nord ovest.

"Non sono eroi, che questo sia chiaro, ma sono persone che si rimboccano ogni momento le maniche, così come anche l’opera d’arte depositata a di fronte all’ospedale Apuane rappresenta, per mettersi al servizio degli altri. Sempre, in qualunque contesto o momento. Con il cuore, con le competenze che posseggono, con le ansie e i timori, con le sicurezze e le incertezze. Sono custodi dei sogni di chi si rivolge al nostro sistema sanitario per vedere risolto un problema di salute o di vita. Sono operatori speciali nella loro normalità che li accompagna in ogni singolo gesto. E ogni giorno ne compiono milioni di gesti in favore di chi ha bisogno di loro, senza risparmiarsi mai, mettendo a rischio a volte anche le proprie sorti e quelle dei propri cari. E sono persone e professionisti che chiedono anche di veder rispettato il proprio lavoro, sempre, per non vedere sprecata la propria abnegazione". 



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Sport

Cronaca