Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:21 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 24 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, la scheda chiusa in un sacchetto: ecco come votano i parlamentari che hanno il Covid

Cultura giovedì 08 febbraio 2018 ore 12:55

La Chiesa della Spina e le antiche tele ritrovate

La chiesa di Santa Maria della Spina (foto Piero Frassi)

Il ciclo pittorico anticamente custodito nella chiesetta sul lungarno fu rimosso nel 1871, quando l'edificio fu smontato e rimontato



PISA — Tornano alla Chiesa di Santa Maria della Spina, seppur per breve tempo, le tele che furono rimosse nella seconda metà dell’Ottocento per consentire lo spostamento del monumento dalle sponde dell’Arno al di sopra delle spallette nella sua attuale posizione. 

Ideata a curata da Cristiano Giometti, la mostra “Ritorno alla Spina. Il ciclo pittorico Cinque-Seicentesco” comprende un gruppo di tele realizzate proprio per la Spina tra la fine del XVI e la metà del XVII secolo. Il ciclo fu smantellato qualche tempo prima dell’avvio dei lavori di spostamento della Spina iniziati nel 1871, per essere trasferito dapprima nella chiesa di San Giorgio dei Tedeschi presso l’Ospedale dei Trovatelli e in seguito nei locali della ex-direzione del Santa Chiara.

Riconnettere la chiesa con le trame interrotte della sua storia rappresenta un elemento fondante di questo progetto, teso a valorizzare un luogo centrale per il tessuto culturale cittadino. L’esposizione, a ingresso libero, sarà inaugurata sabato 10 febbraio alle 16 e sarà visitabile fino al 4 marzo marzo con orari: lunedì 10-13; martedì - mercoledì - giovedì: 15-19; venerdì - sabato - domenica: 10-13; 15-19.

La Chiesa della Spina, gioiello gotico dei lungarni pisani, è stata recentemente restaurata dal Comune di Pisa, che ne è il proprietario, e da allora si sono susseguite una serie di esposizioni. Da alcune settimane il monumento è accessibile a tutti grazie ad una speciale piattaforma mobile a scomparsa che consente l’ingresso alle persone con disabilità fisica. 

"Dalla riapertura - ha commentato l'assessore comunale alla cultura, Andrea Ferrante -, la Chiesa della Spina sta vivendo una stagione di nuova valorizzazione. Abbiamo consolidato un orario giornaliero di apertura e di visita piuttosto ampio e abbiamo reso possibile l'accesso dei disabili. Sono stati organizzati eventi di grande livello con un riscontro mediatico che ha visto questo monumento importantissimo citato sulle principali testate nazionali. Ora riscopriamo le opere che hanno ornato questo spazio per secoli, un'occasione sicuramente da non perdere".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna, di Viareggio, era in bici con il marito lungo l'Aurelia ed è stata ricoverata in gravi condizioni. E' caccia all'automobilista pirata
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità