Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Politica sabato 29 ottobre 2022 ore 15:30

"La multiutility va contro l'interesse pubblico"

L'atrio di palazzo Gambacorti

Dal gruppo di Una Città in Comune una condanna senza appello del progetto di una società che gestisca tutti i servizi pubblici locali



PISA — No alla multiutility. Lo dice in maniera chiara Una Città in Comune, che punta il dito tanto contro i partiti di centrodestra, quanto verso quelli di centrosinistra.

"In questi giorni, 66 Comuni della Toscana centrale, governati indistintamente da centrosinistra e centrodestra, hanno approvato con poche eccezioni la nascita di una società multiutility per la gestione dei servizi pubblici locali - hanno scritto - si prospetta così la creazione di una mega società quotata in borsa, che dovrà sottomettere alle logiche di mercato e alla ricerca del profitto moltissimi servizi che usiamo nella nostra vita quotidiana".

"La gestione del servizio idrico integrato, quella delle risorse energetiche come il trasporto e la vendita del gas, i servizi ambientali inclusa la raccolta dei rifiuti e gli inceneritori, gli impianti di illuminazione pubblica, la gestione delle strade, l'accertamento e la riscossione tributi e persino le attività funerarie dovranno essere riorganizzate non allo scopo di migliorare la nostra qualità della vita - hanno specificato - ma per rendere competitiva la multiutility e generare utili da redistribuire agli azionisti".

Per il gruppo di minoranza, il primo effetto di questa scelta sarà quello di privare i Comuni di potere di controllo. "Non avranno più determinazione della qualità dei servizi e del lavoro - hanno scritto - il secondo effetto, invece, sarà l'aumento delle bollette. Oggi, con la crisi in corso, determinata prima dalla pandemia e poi dalla guerra, avremmo bisogno di riportare sotto la gestione pubblica i servizi locali: assistiamo, invece, a un attacco senza precedenti ai beni comuni".

"Una scelta regressiva di tale portata è stata approvata in tempi record in un modo autoritario, senza alcun rispetto delle forme minime di democrazia e di partecipazione - hanno accusato - un altro segnale che l'unico obiettivo che si persegue è quello del profitto dei privati, non l’interesse pubblico".

Poi, il monito verso le elezioni comunali del prossimo anno. "Se amministreremo la città ci impegneremo in una direzione diversa - hanno spiegato - archiviare una volta per tutte la stagione delle privatizzazioni e della speculazione finanziaria, per dare vita a una gestione interamente pubblica dei servizi locali. Avendo come guida esclusivamente l'interesse pubblico, intendiamo riorganizzare la gestione di questi servizi mettendo al centro la qualità del lavoro e del servizio, mettendo fine alle lottizzazioni e ai giochi di potere che hanno caratterizzato le politiche del Partito Democratico come quelle del centrodestra".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Addio a Renato Bacconi, segretario generale dal 1981 al 1990. Il cordoglio del sindacato: "Sempre in prima linea per i diritti dei lavoratori"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca