Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:31 METEO:PISA17°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità venerdì 01 dicembre 2017 ore 15:40

La Scuola Sant'Anna crocevia di eccellenze

Sergio Mattarella

Per l'inaugurazione del nuovo anno accademico presenti il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il ministro Valeria Fedeli



PISA — Eccellenza, ricerca e interdisciplinarietà sono i cardini che muovono da sempre la Scuola Superiore Sant'Anna, ormai in vista della federazione con la Scuola Normale Superiore e con la Iuss di Pavia. Un percorso, quello intrapreso dall'università pisana, che è stato elogiato stamane durante l'inagurazione dell'anno accademico, di fronte al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al ministro all'istruzione Valeria Fedeli.

"Sant'Anna fa parte dei punti di eccellenza del nostro Paese - ha sottolineato Matarella -. Il numero dei brevetti è particolarmente significativo. Ne abbiamo avuto prova poc'anzi, con la presentazione di alcuni risultati di ricerca del Sant'Anna nei campi della robotica e dell'ingegneria dei trasporti, toccando con mano la proiezione del futuro della ricerca".

Da parte sua il ministro Fedeli ha voluto rimarcare l'importanza della futura federazione con Normale e Iuss: "Federarsi e quindi darsi una governance comune - ha detto -, di ottimizzare allocazioni di risorse e di servizi, stabilire percorsi formativi integrati è un fatto positivo. Il ministero ha dato il proprio appoggio convinto al progetto e si è impegnato ad accompagnarne la realizzazione. Abbiamo inviato ai tre rettori le nostre osservazioni sugli Statuti (che presentano, ovviamente, un''ampia area di sovrapposizione) e seguiamo con interesse un esperimento che giudichiamo molto innovativo nell''ambito dell''amministrazione universitaria".

A fare gli onori di casa il rettore della Scuola, Pierdomenico Perata, il sindaco di Pisa Marco Filippeschi e il governatore della Toscana, Enrico Rossi.

"L’apertura dell’anno accademico di questa nostra scuola prestigiosa - ha detto il primo cittadino -, giovane d’esperienza e giovane per energie, già così titolata nei confronti fra le università di tutto il mondo, rappresenta bene quello che può dare Pisa, con la sua storia e come città proiettata al futuro. Ci dice cosa possono dare certe città europee per una crescita sana e solida, per recuperare fiducia facendo cose nuove e non perdendo le nostre vocazioni".

Filippeschi si è poi rivolto direttamente al Presidente della Repubblica: "La Sua presenza è anche un riconoscimento, c’incoraggia a continuare nella nostra strategia di crescita e a cooperare, a fare sistema fra istituzioni, come facciamo con tante collaborazioni".

"La qualità delle nostre università - ha invece ricordato il presidente Rossi - è uno dei motivi per cui le aziende che dall'estero scelgono di investire in Italia, prediligono la Toscana: per l'eccellenza delle attività di ricerca che qui si conducono".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Sport