Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Avellino, ultrà della Paganese armati di mazze aggrediscono automobilisti e bloccano il traffico in autostrada

Cronaca venerdì 11 dicembre 2020 ore 15:25

Laboratori aperti h24 nella lotta alla sepsi

L'Aoup rafforza l’esercito contro "La pandemia nascosta". Ne parla Simona Barnini: "Ogni ora trascorsa senza cure appropriate aumenta la mortalità"



PISA — Laboratori aperti 24 ore su 24 per rafforzare l’esercito contro le infezioni. Dal 1 dicembre i laboratori della microbiologia clinica dell'Aoup sono aperti h24, 7 giorni su 7. Lo rende noto l'Aoup in una nota, spiegando che l'estensione del servizio di fast microbiology in orario notturno fornirà al pronto soccorso e alle varie degenze indicazioni rapide per la diagnosi di sepsi e per l’uso appropriato degli antibiotici.

"Uno sforzo organizzativo notevole  - scrive l'azienda ospedaliera -condiviso fra il personale di Batteriologia, Virologia e Micologia, strutture già impegnate per la diagnosi di Covid-19.

La sepsi, spiega il direttore della sezione dipartimentale di microbiologia batteriologica Simona Barnini,"E' la più grave complicazione di una infezione in quanto comporta la disfunzione degli organi: sistema respiratorio, cardio-circolatorio, renale”.

I casi “In Toscana  - sottolinea la dottoressa- si aggirano sui 15.000 l’anno; ma appunto parliamo di stime visto che, spesso, non viene riconosciuta e talvolta ne viene tralasciata la segnalazione. La mortalità è sopra il 20% per la sepsi, superiore al 40% per lo shock settico, che ne è l’evoluzione, e anche nei casi di guarigione si hanno frequenti recidive. I morti ogni anno, in Italia, sono almeno 60.000”.

"Una patologia- aggiunge- difficile da riconoscere ma estremamente grave e tempo-dipendente: ogni ora trascorsa senza iniziare le cure appropriate ne aumenta la mortalità del 7-8%”.

Da qui la necessità di una riorganizzazione delle microbiologie. “Perché  - spiega Barnini- è necessario individuare il più presto possibile il microorganismo che causa l’infezione, nel giro di ore. Oggi le microbiologie sono dotate di tecnologie avanzate che permettono questa rapidità e allora è necessario che la microbiologia sia operativa h24 e 7 giorni su 7, perché l’infezione che si complica in sepsi e shock settico non conosce orario".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca