Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:39 METEO:PISA20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Politica sabato 14 dicembre 2019 ore 09:00

"Legare nidi a durata residenza è discriminante"

Il consigliere di Diritti in Comune Ciccio Auletta

Lo dice Diritti in Comune:"Legare l’accesso ad asili comunali alla durata della residenza è discriminazione, delibera in contrasto con Costituzione"



PISA — "Il Documento unico di programmazione (DUC), adottato dalla giunta Conti e collegato al bilancio comunale in discussione la prossima settimana, contiene evidenti e pesanti misure discriminatorie in contrasto con la nostra Costituzione, con il diritto dell’Unione Europea e con la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Spicca tra tutte la revisione delle modalità di accesso ai nidi d’infanzia, con l’introduzione di un “criterio premiante per l’assegnazione del posto a chi è residente da più anni nel Comune di Pisa”.

Lo dice Diritti in comune ( Una città in comune - Rifondazione Comunista - Pisa Possibile ) sulla vicenda riguardante gli asili nido ( vedi articoli correlati ) per i quali il Comune di Pisa inserirà un criterio di punteggio che andrà a valutare anche la storicità residenziale.

"Che si tratti di una misura discriminatoria, in contrasto con normative nazionali ed europee di rango superiore, lo attesta adesso il parere legale che abbiamo richiesto all’Altro Diritto ONLUS, il Centro di Consulenza Extragiudiziale collegato all’Università degli Studi di Firenze. In particolare, secondo gli esperti de L’Altro Diritto, introdurre la durata di residenza nel Comune come requisito premiante costituisce una discriminazione indiretta: non si esclude direttamente una categoria di persone, ma la si svantaggia indirettamente introducendo un criterio arbitrario o un indebito ostacolo all'accesso. 

La Corte Costituzionale ha affermato più volte che le prestazioni sociali destinate al sostentamento della persona, o comunque volte a garantire dei bisogni fondamentali, non possono subire limitazioni di alcun genere, né in base alla nazionalità, né in base al titolo di soggiorno, né - e questo è il caso del DUP - pretendendo requisiti sproporzionati di lungo residenza nel territorio. In sintesi: in materia sociale deve sempre prevalere la soddisfazione del bisogno, la cui urgenza è misurata da indicatori di reddito e da altri indici della condizione sociale e personale, e non la durata della residenza nel Comune".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corteo organizzato dal comitato Porta Fiorentina e dall'associazione Sguardo di vicinato ha sfilato da via Cattaneo fino in zona stazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca