Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:00 METEO:PISA15°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 24 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Cagliari-Fiorentina, stadio in piedi per omaggio a Ranieri che si commuove

Politica giovedì 18 aprile 2024 ore 13:15

Leopolda, "Il Comune sfratta le associazioni"

La Leopolda di Pisa

Dopo la delibera per il trasferimento di alcuni immobili alla Patrimonio Pisa, Auletta rilancia la battaglia: "La destra crea un deserto in città"



PISA — Una lettera di sgombero, indirizzata alle associazione della Casa Leopolda, riporta in auge la diatriba, innescata da qualche settimana, sul futuro del patrimonio culturale del Comune di Pisa.

Che, ormai da tempo, il consigliere di opposizione, Ciccio Auletta, considera a grande rischio. "La lettera è la logica conseguenza delle scelte che la destra sta operando in questi mesi - ha detto - avevamo ripetutamente denunciato che questi sarebbero stati gli esiti in occasione della approvazione della delibera riguardante il trasferimento di immobili comunali importantissimi quali la Leopolda, gli Arsenali Repubblicani e i vecchi macelli alla Patrimonio Pisa Srl. L’approvazione di quella delibera è stata un colpo di mano senza precedenti dal punto di vista dell’indirizzo politico sul patrimonio immobiliare del Comune, condotto non a caso in tempi strettissimi e senza alcun confronto con il tessuto associativo".

"Noi siamo stati e siamo assolutamente contrari al trasferimento a una società che, come scritto chiaramente nello Statuto, opera secondo criteri di mercato, criteri che nulla hanno a che vedere con le finalità prioritarie e gli obiettivi di questi spazi - ha aggiunto - occorre una grande mobilitazione generale della città sulla questione dell’uso di tutti gli spazi sociali e culturali, comprese anche le ex stallette, un complesso ristrutturato con fondi pubblici, come la Leopolda, che il Comune pensa addirittura di vendere. Si tratta in tutti questi casi di patrimonio pubblico, di beni che devono essere messi nella piena disponibilità della cittadinanza".

"Nel caso specifico della Leopolda abbiamo sempre contestato il meccanismo per cui il Comune ha definito un canone di mercato assolutamente insostenibile per le associazioni, salvo calmierarlo con un contributo - ha proseguito Auletta - da sempre proponiamo un cambiamento del regolamento comunale sul patrimonio, prevedendo abbattimenti dei canoni fino al 99%, perché questi spazi non possono rispondere in alcun modo a logiche di mercato e non possono essere affidati a una gestione condominiale sotto la direzione di una società immobiliare come intende fare la destra".

Se non si inverte la rotta, secondo Auletta, la città perderà pezzi importanti della propria vitalità culturale. "Tra riqualificazioni di facciata, svendite e privatizzazioni di beni comunali, fallimenti eclatanti come quello del Centro espositivo SMS, si sta realizzando un deserto in città a cui dobbiamo opporci - ha concluso - porteremo subito la questione in tutte le commissioni competenti e in Consiglio comunale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lo scontro con un anziano che stava attraversando, le ferite gravissime e il ricovero in rianimazione: dopo giorni di agonia si è sento a Cisanello
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Attualità

Politica