QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi -1°14° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 16 febbraio 2019

Attualità giovedì 22 settembre 2016 ore 09:45

Normale e Sant'Anna prime in Italia

Diffuso il ranking 2016 della rivista inglese “Times Higher Education”. I due atenei pisani nella top 200 globale delle migliori università al mondo



PISA — La rivista inglese Times Higher Education ha appena diffuso il nuovo ranking delle migliori università, il World university ranking 2016, che prende in esame 980 università distribuite in 79 paesi di tutto il mondo. Per l’Italia la Scuola nomale superiore e la Scuola superiore Sant’Anna, confermano rispettivamente la prima e la seconda posizione, accreditandosi nel gruppo degli atenei top 200 al mondo.

Nelle prime posizioni assolute si confermano gli atenei di Stati Uniti e Regno Unito, con Oxford, California institute of technology e Stanford rispettivamente in prima, seconda e terza posizione.

Per entrare nella World university ranking  gli atenei devono sottostare a una serie di rigidi requisiti, preliminari alla valutazione. Ad esempio, è necessario presentare almeno 200 pubblicazioni censite nella banca dati “Scopus”, riferite agli ultimi cinque anni, per un totale di mille pubblicazioni.

“A mio parere non si tratta di vantarsi rispetto ai colleghi degli altri atenei – è la prima dichiarazione del direttore eletto della Scuola Normale Superiore, Vincenzo Barone, che entrerà in carica nei prossimi giorni - ma di trovare la forza, tutti insieme, di rilanciare il paese. La Scuola Normale rappresenta una opportunità in questo senso e anche valutazioni oggettive come quella del Times Higher Education mi piacerebbe che contribuissero a far passare questo messaggio”.

“Insieme alla Normale – commenta il rettore della Sant’Anna, Pierdomenico Perata appena saputa la notizia – manteniamo le nostre posizioni per l’Italia, a fronte di un aumento degli atenei presi in esame, confermandoci nella top 200 mondiale. L’Italia è il paese europeo con i minori investimenti in ricerca eppure il nostro sistema di formazione e ricerca ha confermato di essere competitivo e, visti i requisiti stringenti per essere ammessi, è già una notizia positiva che sia aumentato il numero di università del nostro paese prese in considerazione dal ranking. Ma è altrettanto chiaro che senza una inversione di tendenza nel finanziamento della ricerca e delle università, seguendo rigorosi criteri di merito, l’Italia non riuscirà a evitare il declino della formazione universitaria e della ricerca scientifica. Che condannerà il nostro Paese ad un futuro tutt’altro che roseo, soprattutto per le nuove generazioni”.

“Già oggi la Sant’Anna di Pisa – prosegue Perata - ottiene una parte considerevole dei propri finanziamenti da fonti non statali, unica strategia oggi possibile per mantenere una buona competitività internazionale. Ricerca e trasferimento tecnologico, con le nostre 45 aziende spin off attive e un numero crescente di brevetti, restano alcuni nostri punti di forza. Il ranking – prosegue Pierdomenico Perata nella sua analisi - conferma che scegliere dove investire è una scelta che paga e, proprio come la Normale, abbiamo puntato a diventare eccellenze riconosciute in determinati settori, dalla biorobotica alla fotonica, alle scienze della vita, ma anche nelle scienze sociali con il peace-keeping e con gli studi su macroeconomia e management per fare alcuni riferimenti ai ‘cavalli di battaglia’ del Sant’Anna, ateneo di piccole dimensioni che ha raggiunto ancora risultati di grande livello di cui beneficiano l’intero sistema Paese e con i quali ci avviamo verso il 2017, anno del nostro trentennale”.

“Questi risultati – sottolineano Barone e Perata - confermano la grande qualità della didattica e della ricerca scientifica che ogni giorno la Scuola normale superiore e la scuola superiore Sant'Anna mettono a disposizione dei propri allievi all'interno delle aule e dei laboratori. Il fatto, poi, che i primi due atenei italiani siano distanti solo pochi metri, che offrano un percorsocurriculare’ identico, ovvero laurea più dottorato, in ambiti scientifici diversificati è una risorsa che vogliamo valorizzare nei prossimi tempi per dare alla Toscana, e all'Italia, un polo di ricerca che possa risultare ancora più attrattivo a livello internazionale”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cultura

Attualità

Attualità