Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA20°28°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 21 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Donald Sutherland interpretò il gerarca fascista Attila nel film «Novecento» di Bernardo Bertolucci
Quando Donald Sutherland interpretò il gerarca fascista Attila nel film «Novecento» di Bernardo Bertolucci

Attualità lunedì 04 settembre 2023 ore 19:00

Parco protagonista di uno studio sui mammiferi

L'obiettivo è quello di mappare la distribuzione e valutare lo stato di salute di specie come volpi, martore, lupi, daini, istrici e tassi



PISA — Uno studio internazionale per conoscere meglio mammiferi come volpi, martore, lupi, daini, istrici, tassi: è il progetto EnetWild, con protagonista il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, che sarà una delle tre aree studio in Italia, l'unica a rappresentare un habitat mediterraneo con le sue coste, le foreste e le aree umide. Ad illustrare gli obiettivi del progetto, che coinvolge 28 paesi europei, è proprio l'ente Parco-

"La nostra area protetta  - spiega una nota - da oggi è parte di una rete internazionale di zone di studio connesse al progetto European Observatory of Wildlife, volto ad indagare con approccio scientifico le popolazioni di mammiferi presenti ed il loro stato di salute in tutto il territorio europeo. Per quattro mesi sarà testato un innovativo sistema di controllo e reperimento dati tramite fototrappole". 

Alle operazioni prenderanno parte i dottori Marco Del Frate e Paolo Bongi, afferenti al gruppo di ricerca guidato dal professor Marco Apollonio, che da anni si occupano di grandi mammiferi nel Parco, coadiuvati dall’aiuto di operatori esperti nel settore come il dottor Guerrasio dell’Università di Sassari.

Nell'ambito dello studio sarà realizzata una mappa digitale della distribuzione degli animali monitorati e per la prima volta saranno a disposizione stime comparabili a livello europeo, con informazioni cruciali sulle variabili che influenzano la densità e la dislocazione delle specie e sulle metodologie gestionali più efficaci. L'analisi consentirà di confrontare decine di diversi ecosistemi nel continente e di comprendere quali sono gli elementi che influiscono sulla diversa collocazione delle specie, sul numero degli esemplari e sulla loro salute.

Il Parco è stato scelto sia per le sue caratteristiche naturali uniche, un ambiente con habitat estremamente eterogeneo e molto vicino a zone di interesse turistico e culturale, sia perché da 40 anni ha sviluppato una notevole esperienza nel campo del monitoraggio. "Un'iniziativa - sottolinea il presidente Lorenzo Bani- che conferma ancora una volta come il nostro Parco sia importante e conosciuto a livello internazionale, anche nel mondo scientifico".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Code chilometriche questa mattina lungo la strada di grande comunicazione. L'impatto è avvenuto in direzione mare tra un camion e un'auto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Pierantonio Pardi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Attualità