comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 15°21° 
Domani 13°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 25 settembre 2020
Giani
863.595
 
48.62%
Ceccardi
718.625
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%
corriere tv
Venezia, la guida speciale che non mostra ai turisti i monumenti ma gli effetti dell'acqua alta

Attualità martedì 16 giugno 2020 ore 18:50

Questa del 2020 è una Luminara "diffusa"

Il campanil pendente illuminato

Nessun assembramento sui lungarni, neppure dei lampanini sulle biancherie. Per chi vorrà partecipare, lumini a finestre e balconi di tutta la città



PISA — Causa emergenza sanitaria in atto la Luminara vera e propria, com'è noto, purtroppo non ci sarà. Ma in molte case pisane in queste ore ci si organizza per la vigilia di San Ranieri accendendo qualche lumino a finestre e balconi. Prenderà così vita una sorta di "Luminara diffusa" e poi, chissà, forse un giro in centro, dove è comunque prevista l'illuminazione del campanil pendente e di palazzo Gambacorti.

Anche i lampanini, specchio dei tempi in questo 2020 segnato dal coronavirus, sono così chiamati ad osservare il "distanziamento sociale" l'uno dall'altro. Anziché assembrarsi sulle biancherie dei palazzi sui lungarni si disperderanno per tutta Pisa e qualunque sarà l'effetto e l'esito, è certo che questa Luminara 2020 sarà ricordata nella storia della città.

L’assessore comunale alle tradizioni storiche, Filippo Bedini, volendo dare un significato a questo giorno assai particolare di un Giugno Pisano non festeggiato, ha parlato di un "anno di sosta" come "anno di svolta", sottolineando che questo giugno 2020 "non è virtuale, ma di riflessione sul passato, di approfondimento e di progettazione per il futuro". 

"Un giugno che tutto considerato non si è fermato nemmeno nell’annus horribilis del coronavirus - ha commentato Bedini -. Dal male della pandemia dobbiamo esser bravi a tirar fuori quello che di utile c’è nel potersi concentrare sull’essenza, anziché adoperarsi freneticamente per l’apparenza. Quando si è costretti a stare lontani da qualcuno o da qualcosa che amiamo, è nel sentire la mancanza che si comprendono fino in fondo le ragioni di tale amore. Lo stesso deve essere per gli eventi del Giugno Pisano, e in particolare per la festa del Patrono: lo abbiamo detto in tutte le salse quale vuol essere il nostro indirizzo, e quest’anno che non l’abbiamo avuta, della Luminara cosa ci è mancato? Il caratteristico raccoglimento e il silenzio stupito di fronte alla meraviglia dei Palazzi che si specchiano con le luci dei “lampanini” sulle acque dell’Arno, oppure la confusione, i fasci di luci elettriche e il rumore di musiche fuori luogo e assordanti? Non occorre un sondaggio per conoscere l’orientamento dei Pisani”.

“Stiamo con fatica e tra mille difficoltà “burocratiche” cercando di tornare indietro per proiettarci in un futuro più bello – ha proseguito l'assessore - convinti che nel recente passato si fosse progressivamente rinunciato alla vera essenza di questi momenti che rappresentano la storia, la gloria e l’identità di Pisa, non supportando gli eventi con una vera politica culturale. E la città, e gli eventi stessi, di questo hanno sofferto. Radici dimenticate da recuperare, segni di un’identità e di un’appartenenza da riscoprire. E di una cultura popolare e tutta pisana da rilanciare. San Ranieri è indissolubilmente legato alla cultura pisana. Monsignor Burgalassi, nell’introduzione a uno dei più bei libri su San Ranieri ha affermato: scrivere su che cosa ha rappresentato Ranieri per Pisa in questi nove secoli significa collocare la religiosità e la devozione dei pisani nel profondo della cultura pisana di ieri e di oggi”.

Infine, Bedini ha ricordato l'importanza di San Ranieri nella storia di Pisa: “San Ranieri, santo laico e beatificato “a furor di popolo” poco dopo la sua morte, come avviene per i grandi Santi, quest’anno va invocato anche per una delle sue più precipue caratteristiche, ovvero quella di taumaturgo, cioè operatore di prodigi. Nella storia di Pisa si riconducono a San Ranieri tre episodi nei quali il suo intervento è risultato decisivo per la salvezza della città: in uno, del 1256, avrebbe salvato la flotta pisana da sicuro naufragio di fronte a Messina; negli altri due, ci avrebbe liberato dalla peste, prima nel 1365 e poi nel 1837". 

"Oggi che ci troviamo coinvolti in una pandemia e siamo all’alba di una crisi economica e sociale la cui portata non è possibile prevedere, rivolgerci ancora una volta al nostro Patrono è più necessario che mai. Ricordandoci di quel sonetto di Neri Tanfucio, in cui di San Ranieri si dice: Delle grazie ne fa, lassamo andare / Gualda ‘n po’ vanti ori ciondoloni / ci ha ‘n della nicchia! E sai, nun dubitare / se glieli danno c’è le su’ ragioni” ha concluso Bedini, invocando nuovamente la protezione di San Ranieri per Pisa.



Tag

Comunali 2020

Cascina Sez. 36 su 36

PARRINI

548

 

2,27%

MASI

2202

 

9,11%

POLI

1868

 

7,73%

BETTI

9351

 

38,68%

COSENTINI

8006

 

33,11%

ROLLO

2202

 

9,11%

Comunali 2020

Orciano Pisano Sez. 1 su 1

DE BLASI

13

 

3,96%

MENCI

315

 

96,04%

 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca