Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA15°30°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 19 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Zaccagni affitta l'Olimpico e con un rigore svela il sesso del figlio

Attualità giovedì 28 aprile 2022 ore 20:15

Tari, in media un aumento del 4%

Il gestore Retiambiente ha avviato l'istruttoria per la definizione della Tari per il 2022. Nei Comuni è previsto un rincaro medio del 4%



PISA — Aumenti previsti, in media, del 4%. È questo il punto della comunicazione di Retiambiente, il gestore unico del ciclo integrato dei rifiuti nel perimetro dell’Ambito territoriale ottimale (Ato) Toscana Costa e partecipato da 100 Comuni delle Province di Pisa, Livorno, Lucca e Massa Carrara.

Il rincaro, naturalmente, riguarderà la Tari nei Comuni che ne fanno parte e che, dunque, vedranno la tassa sui rifiuti diventare un po' più salata per la cittadinanza.

"Si tratta di un lavoro complesso e difficile, svolto durante il primo anno di operatività di Retiambiente, in una modalità nuova, imposta da Arera e incalzata da eventi imprevisti, come l’aumento dei costi dovuti alla crisi pandemica e alla guerra in Ucraina - ha spiegato il presidente di Retiambiente, Daniele Fortini - abbiamo ascoltato il territorio, con la raccomandazione di molti sindaci a un approccio equanime nella definizione della Tari, raccogliendo anche la richiesta di spalmare in più annualità quello che sarebbe stato l’aumento del 2022".

"Abbiamo registrato queste sensibilità e raccomandazioni, sforzandoci di elaborare un documento che pure preveda l’impegno di Retiambiente a sostenere gli sforzi in termini di equilibrio, anche per quelle amministrazioni che precedentemente avevano maggiormente aumentato la Tari - ha continuato - sarà poi l’assemblea di Ambito, a cui parteciperanno tutti i sindaci, a ratificare o meno in via definitiva gli importi validati del 2022".

Tra le cause dell'aumento, oltre al lievitare dei costi per la situazione sanitaria e internazionale, c'è anche il nuovo assetto contrattuale dei dipendenti. "Anche l’aumento del costo del lavoro, determinato dal nuovo contratto nazionale di settore, ha avuto il suo peso - ha aggiunto - abbiamo cercato, nella relazione diretta con i Comuni, tutte le forme per mitigare l’impatto dei maggiori costi, anche in un quadro di programmazione pluriennale. Sarà adesso l’Autorità di Ambito e poi ciascun Comune a determinarsi nella validazione dei Pef".

"Confidiamo che con la realizzazione degli impianti industriali presentati al Ministero per la Transizione ecologica sul Pnrr per oltre 140 milioni di euro di investimenti e alla Regione Toscana, guadagneremo un affrancamento dalla condizione attuale di clienti di fornitori esterni, per diventare invece autosufficienti - ha concluso - gli aumenti previsti, dunque, ci auguriamo possano progressivamente ridursi e quindi, acquisito un parco impiantistico innovativo ed efficiente, realizzabile nel prossimo triennio, si possano generare significativi risparmi da destinare ad un decremento della Tari".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Mattinata di disagi per gli automobilisti diretti verso Pisa, a seguito di un incidente avvenuto tra Navacchio e Pisa Nord Est
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca