Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:10 METEO:PISA20°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Jacobs: «Sono solo nato in Texas, l'Italia è la mia Nazione». Tamberi: «Sono l'uomo più felice al mondo»

Politica lunedì 17 maggio 2021 ore 13:30

"La Regione si impegni contro la modifica del Cda"

Alla vigilia dell'assemblea dei soci di Toscana Aeroporti, Andrea Pieroni (Pd) ha presentato una mozione che sarà discussa in consiglio regionale



PISA — In vista dell’assemblea degli azionisti di Toscana Aeroporti con all’ordine del giorno la modifica statutaria sui membri del Cda, il consigliere regionale Pd Andrea Pieroni ha presentato una mozione per chiedere alla giunta un impegno per evitare tale riforma richiesta dal socio di maggioranza, Corporacion America Italia.

"Il sistema aeroportuale toscano rappresenta un settore cruciale per l’economia regionale - ha ricordato Pieroni -: un comparto fortemente colpito dalle conseguenze della pandemia, su cui investire risorse e competenze, anche da parte delle istituzioni pubbliche, così come ha fatto la Regione Toscana stanziando 10 milioni di euro a tutela dell’occupazione. Per questo chiediamo alla Giunta regionale di attivarsi affinché sia scongiurata l’approvazione della proposta di modifica dello statuto di Toscana Aeroporti S.p.a. presentata dal socio privato di maggioranza, Corporacion America, finalizzata a una ridefinizione delle modalità di elezione e di composizione del Consiglio di Amministrazione". 

"Un’azione da intraprendere in sinergia con tutti i soggetti pubblici interessati - ha sottolineato il consigliere regionale del Partito democratico - con l’obiettivo di non penalizzare la presenza dei soci pubblici nel Cda della società che gestisce i due principali scali toscani, considerando anche la forte crisi che, causa l’emergenza sanitaria, sta attraversando il trasporto aereo; basti pensare che il traffico passeggeri degli scali di Pisa e Firenze ha registrato un meno 92,5 per cento rispetto al primo trimestre 2020. Negli anni i soggetti di parte pubblica all’interno della società hanno messo in campo un impegno importante in termini progettuali, di finanziamenti pubblici erogati e di difesa di alcuni comparti del sistema, come ad esempio quello handling. Un impegno che la proposta di revisione statutaria andrebbe a limitare a discapito dell’interesse pubblico, così come già sottolineato nella mozione approvata dal Consiglio Comunale di Pisa il 13 Aprile scorso". 

"La modifica dello statuto porterebbe a dimezzare la partecipazione pubblica all’interno del Cda – ha concluso Pieroni - Gli enti pubblici come Comuni, Province, Regione e Camere di Commercio, al di là della quote che detengono, rappresentano le istanze e gli interessi dei territori e delle comunità dove gli scali operano. Ricordo che prima della fusione, quando le società erano a maggioranza pubblica, buona parte degli utili aziendali venivano reinvestiti negli scali stessi, accrescendone il loro valore".

La modifica allo statuto di Toscana Aeroporti, lo ricordiamo, se approvata porterebbe i membri di parte pubblica all'interno del Cda a scendere dai 5 attuali ai 2 o massimo 3 a partire dal 2024, su 15 totali.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore. Oltre il 75 per cento dei nuovi contagi si è verificato tra bambini, ragazzi e giovani sotto i 35 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca