Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Davide Giri ucciso a New York, il dottorando italiano è stato accoltellato

Lavoro sabato 27 febbraio 2021 ore 10:41

La Uiltrasporti Toscana risponde ad Amazon

Lo sciopero dei corrieri di fronte al magazzino Amazon di Montacchiello

"Inaccettabile che i corrieri siano costretti a lavorare in situazioni di rischio" scrivono dal sindacato, mentre prosegue lo sciopero a Montecchiello



PISA — Secca replica di Uiltrasporti Toscana alla nota di Amazon, diramata a seguito del presidio dei corrieri al magazzino di Montacchiello, periferia di Pisa. Lo sciopero, lo ricordiamo, riguarda i lavoratori di alcune ditte che svolgono le consegne per Amazon, ditte che avrebbero fatto ricorso alla cassa integrazione.

"In riferimento alla nota stampa di Amazon sullo sciopero che i lavoratori e la Uiltrasporti stanno portando avanti ormai da tre giorni nella realtà di Montacchiello - scrivono dal sindacato -, non sappiamo bene cosa sia “il codice di condotta” menzionato nella stessa nota anche perché sembra riferito alle aziende fornitrici e quindi non certo condiviso con i lavoratori e le loro rappresentanze. Non sappiamo neanche cosa sia lo “stretto contatto” con le Aziende che forniscono il servizio ma rileviamo nei fatti che questo si traduce, a volte, in una consegna ogni tre minuti che costringe i corrieri ad operare in situazioni che possono mettere a rischio la propria e la altrui incolumità. Il risultato di questo contatto non è certo l’assegnazione di un giusto carico di lavoro. Il codice che sicuramente deve essere rispettato è quello della strada!"

"Rimaniamo inoltre basiti - proseguono dal sindacato - di fronte alla definizione che le attività di Amazon sarebbero un “business stagionale”! Amazon da oltre un anno registra un incremento costante e progressivo del proprio giro di affari e non ci sembra proprio che questo sia assimilabile ad un’attività collegata con la “bella stagione”. Crediamo invece che il committente stia sempre più ricercando di aumentare i margini di profitto attivando una serie di misure tese a rilevare ogni elemento utile ad incrementare la produttività di ogni segmento della filiera".

"La Uiltrasporti è un sindacato che predilige il confronto e gli accordi - concludono -. Con la stragrande maggioranza dei fornitori di Amazon abbiamo infatti sottoscritto intese che cerchiamo di far applicare a tutti i fornitori in modo da non creare un dumping interno a scapito dei lavoratori. Purtroppo la Trasline sembra pretendere trattamenti peggiorativi per i suoi dipendenti e questo per noi è inaccettabile! E’ inaccettabile che sui lavoratori gravi una franchigia doppia rispetto agli altri come è inaccettabile il ricorso alla cassa integrazione che la stessa azienda ha attivato".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità