Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:30 METEO:PISA15°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 22 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Torino, Ultima generazione interrompe spettacolo di Giuseppe Cruciani

Attualità giovedì 10 novembre 2022 ore 14:21

Pisa studia la sicurezza delle centrali nucleari

Finanziato con 2,8 milioni di euro per quattro anni, il progetto Seaknot coinvolge 17 enti di 10 paesi. C'è anche l'università di Pisa



PISA — C'è anche l'università di Pisa tra i 17 partner del progetto europeo Seaknot, che ha tra gli obiettivi quello di aumentare la sicurezza dei reattori nucleari e diminuire le conseguenze radiologiche di indicenti severi come quello di Fukushima

Oltre all'ateneo pisano, il progetto quadriennale coinvolge l’Enea insieme ad altri 15 partner di altri nove paesi.

Finanziato con circa 2,8 milioni di euro, 300mila dei quali al solo Ateneo pisano, Eaknot, acronimo che sta per SEvere Accident Research and Knowledge Management, si svilupperà secondo due direttive. "Da un lato - spiega una nota dell'ateneo pisano- verrà delineata una tabella di marcia per la ricerca sugli incidenti severi (con danneggiamento del combustibile nucleare) nei reattori ad acqua leggera, compresi i nuovi reattori modulari e i combustibili tecnologicamente avanzati, con l’obiettivo di arrivare ad una sostanziale riduzione delle possibili conseguenze radiologiche. Dall’altro l’obiettivo è scongiurare la perdita di conoscenze in questo settore in cui l’Europa è attualmente leader e quindi gestire in modo efficiente il trasferimento di sapere e know-how alle giovani generazioni di scienziati e ingegneri nucleari".

“Gli incidenti come quello avvenuto nell’impianto di Fukushima sono fra i principali rischi associati alla produzione commerciale di energia elettrica da fonte nucleare – spiega il professore Sandro Paci dell’Università di Pisa - Per decenni, al fine di azzerare questa tipologia di eventi e ridurre i potenziali rilasci di sostanze radioattive verso l’ambiente esterno, in Europa sono state condotte molteplici attività di ricerca che rischiano di andare perdute”.

“L'idea fondamentale – conclude Paci – è che l'Europa continui ad essere leader nella ricerca sugli incidenti severi, come è stato negli ultimi due decenni, senza dipendere da terze parti, sebbene aperta alla collaborazione, per continuare a progredire nell'ottimizzazione della sicurezza nucleare”.

Il lancio ufficiale di Seaknot si è svolto a Madrid, dal 3 al 5 Ottobre. Il progetto è finanziato dal programma Horizon Europe Euratom 2027. I partner sono: Ciemat (coordinatore) e Upm (Spagna); Irsn, Cea e Lgi (Francia); Enea e Unipi (Italia), Kit, Becker, Fzj Technologies e Framatome GmbH (Germania); Jsi (Slovenia); Kth (Svezia); Ujv (Repubblica Ceca); Vtt (Finlandia); Tractebel Belgio); e Psi (Svizzera, come partner associato).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Posta la prima pietra del nuovo Polo Scientifico che sorgerà sul territorio di San Giuliano Terme: investimenti da oltre 50 milioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Attualità

Cronaca