Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 26 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Salvini: «Se ho incontrato Cassese? Non so neppure dove abiti»

Politica giovedì 28 gennaio 2021 ore 15:29

Il comune dovrà ripianare metà debiti di Pisamover

La navetta Pisamover

Lo rende noto il consigliere di opposizione Auletta: "La stima è che il bilancio del 2020 si chiuderà con quasi 5 milioni di euro di perdita"



PISA — Che l'amministrazione comunale sia preoccupata dalle perdite finanziare del Pisamover è noto, tant'è che di recente ha nominato una consulente ad hoc. Oggi però si scopre l'ammontare alla base di queste preoccupazioni, ovvero 2,5 milioni di euro di buco che, stando alla convenzione stipulata, il Comune è chiamato a ripianare. A riferire questa cifra è il consigliere di opposizione Francesco Auletta (Diritti in Comune), a seguito delle delucidazioni ricevute in commissione.

"In base alla matrice dei rischi allegata alla Convenzione con cui fu realizzato il PisaMover - ricorda Auletta - il pubblico, ovvero il Comune di Pisa, deve ripianare per il 50% la voragine del bilancio della società privata che gestisce questa infrastruttura. Questo meccanismo diabolico e devastante per le tasche dei cittadini e delle cittadine, che da anni denunciamo, è stato confermato dalla discussione svoltasi ieri in quarta commissione consiliare a seguito dell’argomento richiesto dal nostro gruppo consiliare e affrontato solo 5 mesi dopo".

"E purtroppo - prosegue il consigliere di Diritti in Comune - anche i numeri delle perdite che avevamo reso pubblici lo scorso Novembre, nel silenzio più assoluto della giunta e del sindaco, sono stati confermati. La stima è che il bilancio del 2020 si chiuderà con quasi 5 milioni di euro di perdita, nonostante tutte le iniziative di contenimento dei costi e salvaguardia del servizio messi in atto da PisaMover (ovvero chiusura del parcheggio scambiatore Aurelia e implementazione del servizio sostitutivo su gomma), e con una riduzione dei passeggeri intorno all'82,18% (passeggeri previsti: 1.237.179, effettivi: 220.486). Questo significa che il pubblico dovrebbe farsi carico di circa 2,5 milioni di euro per il solo bilancio del 2020 del Pisamover, con previsioni ancora peggiori per questo anno appena iniziato, in quanto si prevedono perdite solo nel primo semestre pari a 3 milioni di euro".

"Negli scorsi giorni - commenta Auletta - l'amministrazione comunale ha affidato un incarico esterno per 15 mila euro per elaborare una proposta di riequilibrio del Piano economico finanziario alla docente della Bocconi che nel 2011 aveva assistito Pisamo proprio nella stesura della convenzione contenenti queste matrici di rischio “capestro”. Nei fatti, almeno da quanto è emerso fino ad oggi, non sembra essere possibile ricontrattare la convenzione e quindi quel 50% delle perdite a carico del pubblico, e l’unica proposta che il sindaco ha messo in campo è la richiesta alla Regione di un intervento straordinario con risorse pubbliche legate al trasporto pubblico per ripianare il debito. Crediamo che in una fase di pandemia in cui la crisi sociale è sempre più forte e drammatica sia inaccettabile destinare milioni e milioni di euro per ripianare i bilanci di una infrastruttura privata. Non è al contempo pensabile che il trasferimento di risorse pubbliche ad una società privata avvenga senza una chiarezza degli scopi a cui sono destinate. Per questo già a Dicembre abbiamo proposto un ordine del giorno in consiglio comunale, già discusso e approvato, in modo che le ulteriori risorse pubbliche date alla Pisamover, a partire dal contributo regionale di 305mila euro, siano usate prioritariamente per la tutela occupazionale e salariale di tutti i lavoratori e le lavoratrici”.

"Questa situazione - conclude Aueltta - conferma le nostre ragioni alla contrarietà dell’opera e ai perversi meccanismi finanziari ad essa connessi. Pensiamo che la città debba sapere e che serva la massima trasparenza su una vicenda che potrebbe avere ripercussioni molto pesanti sulle stesse casse comunali. Serve una vera riflessione, infine rispetto ad una infrastruttura la cui concessione è stata data per diversi decenni e con previsioni di passeggeri e di utili che già pre-pandemia erano assolutamente irraggiungibili. E' pensabile che a fronte, quindi, di perdite durature si proceda con continui contributi pubblici per ripianare il buco di una ad una società privata?"


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'allarme è scattato quando nel complesso militare di San Piero a Grado si è udito uno sparo. L'ipotesi più accreditata è il suicidio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Cronaca

Attualità