Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Cronaca lunedì 14 aprile 2014 ore 09:00

Ponte lungo di Pasqua, operatori ottimisti ma non troppo

I pisani che sceglieranno di partire preferiranno mete a medio raggio. Negli alberghi di Pisa le prenotazioni sono poche, ma è presto



PISA — "I pisani sfrutteranno soprattutto la settimana da giovedì 24 aprile fino a venerdì 2 maggio per il ponte pasquale, finestra temporale meno costosa rispetto ai classici giorni pasquali". La previsione è di Maurizio Nardi, presidente della rete di impresa del turismo Vivere Pisa. Una congiuntura favorevole, quella di questo 2014, che fa ben sperare gli operatori turistici.
“Riscontriamo un discreto interesse - prosegue Nardi -, incoraggianti segnali di ripresa che promettono bene. Le maggiori richieste sono indirizzate verso le mete di medio raggio, come la Giordania, il Marocco con Marrakech alcune località della Turchia. Si confermano come molto appetibili, favorite dal calo del mar Rosso per le note vicende di instabilità politica, le destinazioni spagnole, isole Baleari e Canarie su tutte ma anche molte richieste sono concentrate verso Cuba e Santo Domingo, avvantaggiate da tariffe tutt'altro che proibitive. Le premesse ci sono tutte per una Pasqua migliore rispetto a quella del 2013, anche se l'interessamento dovrà poi concretizzarsi in prenotazioni effettive”.
La situzione è in movimento anche per l'estate 2014, come conferma Nardi dal suo osservatorio privuilegiato: “Riscontriamo un ritrovato interesse per le vacanze estive, prenotate in anticipo rispetto agli scorsi anni. Un altro segnale che ci fa guardare con ottimismo ai mesi avvenire”.

“Ad ora, non ci sono segnali che fanno sperare in una improvvisa accelerazione del movimento turistico” invece, secondo Francesco Voltini, presidente di Confalberghi ConfcommercioPisa: “E' diventato molto difficile fare previsioni - spiega Voltini - visto che ormai le prenotazioni avvengono tutte a ridosso delle festività. Un elemento senz'altro positivo sarà il bel clima, che dovrebbe invogliare i turisti a frequentare soprattutto le città d'arte come Pisa. La data più indicata è il ponte del 25 aprile rispetto alla Pasqua, in cui tradizionalmente non si va molto oltre la gita fuori porta”.
Se gli italiani sono in sofferenza, qualche aspettativa in più arriva secondo Voltini dal mercato estero: “Riscontro che rispetto al 2013 i tour operator si sono mossi in anticipo rispetto alla stagione precedente e questo è comunque un piccolo segnale positivo. In linea di massima, sarei più che soddisfatto se la Pasqua rispettasse l'andamento, pur non esaltante, dello scorso anno”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La provincia di Pisa, nelle ultime 24 ore, registra quasi cento nuove positività al coronavirus. Il dettaglio per Comune di residenza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Sergio Cenci

Lunedì 29 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità