Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PISA18°31°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Saviano: «De Luca non mi vuole al Festival di Ravello? Non c'è nessun problema: non vengo»

Cronaca giovedì 10 giugno 2021 ore 14:08

Spaccio in pineta, smantellati altri tre bivacchi

Nuova operazione interforze nell'area boschiva di Migliarino su segnalazione dell'Ente Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli



VECCHIANO — Nuovo controllo interforze disposto dal Questore per contrastare l’attività di spaccio di sostanze stupefacenti e più in generale la bonifica dei bivacchi abusivi nell’area boschiva di Migliarino, già passata al setaccio il 19 Marzo scorso. L'operazione, svoltasi per l’intera mattinata di oggi, ha visto impiegate pattuglie della Questura, del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato di Firenze e della Polizia Ferroviaria di Pisa, dell’Arma dei Carabinieri, dei Carabinieri forestali, della Guardia di Finanza, tra cui un’unità Cinofila specializzata ed un elicottero della Sezione Aerea di Pisa, nonché pattuglie della Polizia Locale del comune di Vecchiano e della Polizia Provinciale “Ente Parco”. 

L’ intervento, su analitica segnalazione dell’Ente Parco, ha riguardato l’area boschiva insistente tra il sedime ferroviario e la via Aurelia e l’area rurale boschiva insistente tra la via Francesca di Vecchiano e la via del Mare. Le varie forze in campo, con il prezioso ausilio dall’alto dell’elicottero, si sono dispiegate su un ampio fronte, scandagliando il territorio e rinvenendo tre postazioni (furono sei quelle smantellate a Marzo), utilizzate dagli spacciatori come luogo di lavorazione, di taglio della sostanza stupefacente e di permanenza in attesa dell’arrivo dei clienti. 

Oltre a evidenti segni di bivacco, sono state rinvenute anche strumentazioni abitualmente utilizzate dagli spacciatori: ritagli di cellophane per confezionare le singole dosi termosaldate da spacciare, residui di bicarbonato, utilizzato come sostanza da taglio; tre fischietti, utilizzati dalle vedette per allertare i complici sull’arrivo delle Forze dell’Ordine ed anche per fornire segnali agli acquirenti sulla loro posizione nella boscaglia; diverse biciclette usate per gli spostamenti e di probabile provenienza furtiva. 

Le tre aree di bivacco individuate nel corso del servizio sono state tutte ridotte in pristino e bonificate, con l’ intervento di un mezzo Avr per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. 

"Rispetto a Marzo - hanno commentato dalla Questura -, le tracce dei bivacchi si sono sensibilmente ridotte lato ferrovia ed Aurelia, mentre i tre bivacchi smantellati erano stati approntati sul versante interno prospiciente la via del Mare, evidentemente per timore dei controlli delle Forze dell’Ordine. I controlli proseguiranno a cadenza periodica, per impedire che situazioni di degrado e di illegalità riemergano in questa area del Parco".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna viaggiava in sella ad uno scooter quando si è scontrata con un'auto all'altezza di Madonna dell'Acqua. Intervenuta la Misericordia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica