Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:14 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, il «quasi» conclave nel ristorante di Roma con Orlando, Provenzano, Ronzulli, Tajani e Cesa

Politica lunedì 01 novembre 2021 ore 09:00

Uso dei social, botta e risposta fra Betti e Rollo

Il sindaco ha accusato i gruppi di minoranza di dare spazio ad un uomo condannato in primo grado per stalking. Replica e controreplica



CASCINA — Il sindaco Betti ha accusato le minoranze di dare spazio, sulle loro pagine social, ad un cittadino che risulta condannato in primo grado per stalking. Chiamato in causa Dario Rollo, capogruppo di Valori e Impegno Civico Dario Rollo, non ha fatto attendere la sua replica.

“Aspettavo con ansia la lezione del professore - queste le parole Rollo -. Apprendo che a Cascina sono tornati i tribunali di staliniana memoria. Le bacheche social degli esponenti di opposizione sono controllate continuamente, i commenti analizzati e le persone schedate. Sembrerebbe che sia stata riattivata anche la potente macchina del Kgb in salsa cascinese"

"Da oggi in poi, prima di far commentare sulle proprie pagine social, sarà richiesto un certificato del casellario giudiziale - ha ironizzato il capogruppo di Vicdr -. Solo a quel punto, in presenza di casellario pulito, le persone potranno scrivere e criticare l’attuale amministrazione. Capisco che gli amministratori di centrosinistra non accettano critiche o confronto sull’attività istituzionale da loro svolta, ma devono comprendere che fino a quando le persone commentano e criticano in maniera educata e senza offendere nessuno, chiunque potrà commentare. Personalmente, nel momento in cui mi dovessi accorgere, o qualcuno dovesse riferirmi, di post offensivi o lesivi della figura altrui sulla mia bacheca pubblica o privata, gli stessi saranno rimossi immediatamente. Si tratta di libertà di pensiero e di espressione. Cosa che, forse, questa sinistra non è in grado di comprendere. Altro che Corea del Nord!" 

"Al sindaco Betti che si erge a primo della classe bacchettando di qua e di là, un semplice consiglio - ha concluso Rollo -: si occupi dei cascinesi, si concentri sui problemi di questa città e provi a risolverli, perché fino ad oggi non ha mantenuto neanche una promessa fatta in campagna elettorale. Anzi, in appena un anno, ha “regalato” ai cascinesi l’aumento dell’addizionale comunale Irpef, della Tari, delle tariffe scolastiche, dell’imposta pubblicità e ha peggiorato tutti i servizi sul territorio. Per quanto riguarda la gestione della mia bacheca social si rassegni e le lezioni le faccia una volta rientrato a scuola. Oggi cerchi di amministrare la città. Io gli voglio bene, per questo gli consiglio di fare il suo lavoro: il sindaco, se ne è capace. Intanto renda conto ai cittadini cascinesi dei soldi pubblici che ha speso per andare a Roma per partecipare ad una manifestazione politica. Comunque, in questi giorni ho capito il concetto di “nulla cosmico”. E ho anche verificato che esiste sulla terra e non bisogna andare nel cosmo, basta recarsi in Comune!"

Per il sindaco Michelangelo Betti si tratta di "un'opposizione senza argomenti". "A fine Ottobre, con la chiusura del primo anno di amministrazione - ha ricordato il primo cittadino -, il consiglio comunale si è riunito per venticinque volte. Nel triennio 2017-18-19 la media era sulle venti sedute annue. Il dato di questo 25% in più di riunioni del consiglio racconta da solo la crescita dell’attività degli eletti e degli amministratori. Un altro dato essenziale: in questo primo anno di mandato gli atti presentati dalla maggioranza sono stati tutti approvati. Tutti. Da parte delle opposizioni pare, purtroppo, non ci sia la sufficiente onestà intellettuale per tenere di conto di questi due dati.

"Sono personalmente stupito che le (divise) opposizioni non si siano già annoiate di se stesse - ha proseguito Betti -: da un anno usano le stesse argomentazioni e gli stessi termini. In una politica di slogan. Leonardo Cosentini si riferisce al Piano strutturale intercomunale Cascina-Pisa. L’attuale amministrazione, come anticipato in campagna elettorale, lavora per adeguare uno strumento che avrebbe costruito ed elaborato in maniera diversa, ma riavvolgiamo il nastro: il Piano è stato adottato nell’ultima seduta del mandato scorso, passando col minimo dei voti, con defezioni nella maggioranza di destra e per il voto di una consigliera eletta col Pd, passata prima al gruppo socialista e poi a Forza Italia. Un’adozione forzata (da una maggioranza che non era più tale) per un atto di pianificazione strategico e a lungo termine per il territorio. Da alcune settimane il capogruppo della Lega lamenta anche i numeri dei dipendenti degli uffici comunali, come se fino a 12 mesi fa non fosse il suo partito a essere in cabina di regia per definire pianta organica e assunzioni. E Cosentini pare infine convinto che i cittadini non vedano che certi atti amministrativi “necessari” sono approvati dalla Lega a Pisa, ma criticati dalla Lega a Cascina".

"Un caso a parte rappresenta Dario Rollo - ha commentato, in conclusione, il sindaco Betti -. Col passare dei mesi il consigliere, affermando di non voler adottare il politicamente corretto, ha scelto un linguaggio sempre “sopra le righe” e a volte non scendere al suo livello è una scelta difficile. Descrive il suo mandato di sindaco facente funzione come un’età dell’oro per il Comune di Cascina, e quasi dispiace che quell’età sia durata solo un anno. Un anno in cui ha confezionato un bilancio preventivo da campagna elettorale, lasciando in eredità le questioni più complesse. Un ultimo appunto sull’uso dei social. Devo ammettere che Rollo e Cosentini, divisi su tutto, su questo ritrovano l'unità: ritengono opportuno dare spazio sulle proprie pagine a un condannato per stalking. Il segnalare questo eccesso di indulgenza diventa un’azione da Kgb. Un armamentario lessicale da guerra fredda nell’epoca di Internet 2.0 e delle fake news. Si mantengono un po’ fuori dal tempo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso, riguardante l'ospedale Santa Chiara, è stato portato all'attenzione pubblica dalla trasmissione di Rete4 "Fuori dal coro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Politica

Cronaca