Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:PISA12°14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Imponente frana sulla Lecco-Ballabio, colpita un'auto e bloccata una galleria. Non ci sono feriti

Attualità giovedì 26 maggio 2022 ore 11:20

Ricerche sulla tiroide, premio bis per Brancatella

Alessandro Brancatella

Dottorando dell’Università di Pisa, è stato premiato per la seconda volta dalla più prestigiosa società scientifica internazionale di Endocrinologia



CASTELNUOVO DI GARFAGNANA — Alessandro Brancatella, dottorando in Scienze Cliniche e Traslazionali dell’Università di Pisa ha recentemente ricevuto per il secondo anno consecutivo un “Outstanding Abstract Award” dall’Endocrine Society, la più prestigiosa società scientifica internazionale di Endocrinologia. Il riconoscimento, che premia ricerche innovative condotte da giovani ricercatori, gli è stato attribuito per i suoi studi sull’utilità della terapia con cortisone in pazienti che presentano gravi disfunzioni tiroidee indotte dai nuovissimi farmaci immunoterapici sempre più usati in oncologia.

Il dottor Alessandro Brancatella, classe 1987 e originario di Castelnuovo di Garfagnana, si è laureato con lode in Medicina e Chirurgia a Pisa e quindi specializzato in Endocrinologia e Malattie del Metabolismo sempre a Pisa con lode. Brancatella è autore di numerosi articoli scientifici ed è stato il primo ricercatore a descrivere nel maggio del 2020 i danni tiroidei provocati dal nuovo Coronavirus.

La ricerca che gli è valsa il riconoscimento è stata possibile grazie ad una stretta collaborazione tra Endocrinologia, Diabetologia, Oncologia e Pneumologia di Pisa che da circa tre anni hanno istituito un ambulatorio dedicato ai pazienti che sviluppano complicanze endocrinologiche e diabetologiche in corso di trattamento immunoterapico. Lo studio è stato realizzato sotto la supervisione di Francesco Latrofa, professore associato di Endocrinologia e con l’aiuto della specializzanda Laura Pierotti.

“Un ringraziamento – ha aggiunto Brancatella - va inoltre a tutti i medici delle Unità operative di Endocrinologia 1 e 2 e Diabetologia, dirette dai professori Ferruccio Santini, Claudio Marcocci e Stefano del Prato, che in questi anni hanno lavorato nell’ambulatorio dedicato: le dottoresse Isabella Lupi, Lucia Antonangeli, Sandra Brogioni, Chiara Sardella, Lucia Montanelli, Eleonora Molinaro, la professoressa Rossella Elisei, i dottori Michele Aragona, Nicola Viola, Daniele Sgrò e Mauro Casula. Un ringraziamento, infine, alla Dottoressa Filomena Cetani per la sua attività di supervisore nel mio percorso di dottorato”.

I risultati della sua ricerca verranno presentati al congresso internazionale di endocrinologia organizzato dall’Endocrine Society che si svolgerà ad Atlanta, Stati Uniti, dall’11 al 14 Giugno.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Notissimo e stimato pediatra, aveva 99 anni. Con oltre 70 di attività era più anziano iscritto all’Ordine dei medici
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità