comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:35 METEO:PISA16°18°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 23 ottobre 2020
corriere tv
Coprifuoco, il virologo Fabrizio Pregliasco: «Andrebbe fatto dall'ora dell'aperitivo»

Attualità giovedì 01 ottobre 2020 ore 13:45

Disabili, ricercatrice pisana tra esperti europei

Elena Vivaldi

Persone con disabilità: ricercatrice della Scuola Sant’Anna di Pisa rappresenta l’Italia tra esperti di Commissione Europea



PISA — Sarà una ricercatrice di Diritto costituzionale dell’istituto Dirpolis della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Elena Vivaldi, a rappresentare l’Italia nel pool di esperti della Commissione Europea in tema di persone con disabilità. Elena Vivaldi, che è già delegata della rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna Sabina Nuti per la disabilità e per l’inclusione, si occuperàdi stilare i rapporti nazionali che aiuteranno la Commissione e il Parlamento europeo nel costruire le politiche europee riferite a persone con disabilità, con l’aiuto dei colleghi dell’area di ricerca Power, all’interno dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo).

Per Elena Vivaldi si tratta di un riconoscimento importante: farà parte infatti della Rete accademica di esperti europei sulla disabilità (Aned), creata dalla Commissione europea nel dicembre 2007 con l'obiettivo di stabilire e mantenere una rete accademica paneuropea nel campo della disabilità che sostiene lo sviluppo delle politiche in collaborazione con l'unità Disabilità della Commissione europea. In questo team di ricerca anche Paolo Addis, assegnista di ricerca in Diritto costituzionale all’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna ed esperto di diritti delle persone con disabilità.

Secondo le stime il 20 per cento della popolazione europea oggi presenta una qualche disabilità e, pertanto, per l’Unione Europea è indispensabile l’acquisizione di un quadro di conoscenze precise e dettagliate dei singoli contesti nazionali. In vista di questo obiettivo, l’Unione europea ha lanciato una call per “acquistare” competenze di cui è sprovvista, rivolgendosi a consorzi composti da ricercatori, ricercatrici, da esperte e da esperti di tutti i suoi Paesi. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità