QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 20°24° 
Domani 18°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 21 settembre 2019

Attualità domenica 15 febbraio 2015 ore 10:05

“Dismissione Camp Darby, no a nuove zone militari”

La lista "Una città in comune" e l'utilizzo delle aree dopo il rilascio degli Usa: "La giunta va in direzione diversa da quanto deciso in consiglio"



PISA — “Alcune zone dell’attuale Camp Darby verranno a breve rilasciate dall’amministrazione statunitense. Ma sul loro destino la giunta Filippeschi si sta muovendo in direzione totalmente diversa rispetto a quanto è stato approvato dal consiglio comunale (col sindaco Fontanelli) nel non lontano 2007. Allora il Comune di Pisa, di concerto con gli altri enti territoriali, si impegnava a una riconversione ad usi civili dell’area di Camp Darby. Ora le cose sembrano indirizzate diversamente”.

Così in una nota la lista “Una città in comune”.

“Infatti rispondendo a una nostra interpellanza – si continua – l'assessora Zambito si è dichiarata non contraria a che l'area che verrà dismessa dagli americani venga utilizzata per la razionalizzazione delle presenze militari presenti nelle caserme della città, e che quindi venga utilizzata dall'esercito italiano. Insomma, nessun uso civile di Camp Darby come diceva la mozione approvata”.

“Il Comune quindi, non farà alcuna richiesta di utilizzo a fini civili delle aree dismesse. In altre parole quando gli americani trasferiranno l'area al ministero della Difesa, e questo ne chiederà l’uso a fini militari, il Comune non solo avallerà questa scelta ma cercherà di trovare nuove intese per far resuscitare il vecchio protocollo sul progetto caserme che è ormai fallito e defunto”.

Riteniamo che questa sia l'ennesima scelta sbagliata da parte di questa amministrazione. Da sempre, insieme con i movimenti contro la guerra locali e nazionali, chiediamo e manifestiamo per la chiusura di Camp Darby e per una smilitarizzazione del nostro territorio. Non pensiamo che la militarizzazione dei territori da parte italiana sia diversa o migliore da quella statunitense: se anche un piccolo settore di Camp Darby verrà dismesso questo dovrebbe comunque essere recuperato ad usi civili. Crediamo che sia questa la richiesta dell’intera città, e il nostro impegno è che questo obiettivo sia raggiunto”, conclude la lista “Una città in comune”.



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità