Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:55 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Diana, l'arbitro vittima di revenge porn: «Sui social i miei video privati, è un porcile, aiutatemi»

Attualità martedì 09 febbraio 2021 ore 15:00

Software made in Pisa per le elezioni Crui

Prodotto open source dell'ateneo pisano, è stato messo a disposizione della Conferenza dei rettori delle università italiane



PISA — È completamente open source, facile da usare e, soprattutto, sicuro. Stiamo parlando di Eligere, il sistema di voto online messo a punto dall’Università di Pisa e utilizzato il 4 febbraio scorso dall’assemblea della Crui, la Conferenza dei rettori delle università italiane, per eleggere i nuovi membri della giunta.

"Una tornata elettorale che ha coinvolto 82 rettori italiani - hanno fatto sapere dell'ateneo pisano - e che si è svolta in modo ordinato e senza problemi tecnici significativi, nonostante la grande novità. Era, infatti, la prima volta che queste elezioni si tenevano in modalità completamente digitale, semplicemente utilizzando un pc, un tablet o il cellulare personale invece di recarsi alle urne in presenza”.

Un successo, quello di Eligere – messo dall’Università di Pisa a disposizione del sistema universitario nazionale – che conferma la solidità di questo nuovo sistema elettorale, già testato in precedenza dallo stesso Ateneo toscano in vari appuntamenti. È il caso dell’Election Day di questo Gennaio per il rinnovo di numerose cariche accademiche, tra dottorato, scuole di specializzazione e giunte. In quell’occasione il voto aveva coinvolto 1591 membri della comunità universitaria pisana. Già a Novembre 2020, però, Eligere aveva dato prova della sua affidabilità in occasione delle elezioni per il rinnovo dei componenti del Senato accademico, delle Commissioni scientifiche di area e del Collegio di disciplina. Una tornata elettorale che ha visto votare ben 2.455 elettori. Complessivamente, fino ad oggi, il sistema è stato utilizzato da 4515 votanti in 6 appuntamenti elettorali.

"Il sistema Eligere – ha commentato il rettore dell’Università di Pisa, Paolo Mancarella - è figlio dei tempi che cambiano, certo, ma anche di una Pandemia che ci sta insegnando a guardare ai problemi da prospettive inedite, così da trovare soluzioni sempre più innovative. Fin dall’inizio la nostra Università ha lavorato per non subire l'emergenza sanitaria in corso e gestirla in modo efficace, così da cogliere le opportunità che anche un evento tragico può offrire. Quello che stiamo vivendo ci impone di cambiare il modo con cui abbiamo sempre fatto le cose. Sta a noi accettare la sfida e trovare soluzioni che non siano temporanee, ma che possano rappresentare un primo ‘seme’ da cui far crescere un domani più solido".

"Vista l’importanza e la delicatezza del voto nella vita democratica di una comunità – ha spiegato Antonio Cisternino, presidente del Sistema informatico di Ateneo - Eligere è stato disegnato avendo in mente tutti i livelli di sicurezza e seguendo un principio di distribuzione dei ruoli che ha fatto sì che nessuno avesse in mano tutte le chiavi del sistema. Si tratta di un software completamente open source, dove non sono presenti elementi di terze parti e che quindi può essere gestito tutto in house, garantendo altissimi livelli di sicurezza».

Alla base di Eligere, l’uso di tecniche crittografiche all’avanguardia, che assicurano che il contenuto dell’urna non sia accessibile se non al termine delle votazioni, affiancate da procedure e cerimoniali volti ad assicurare trasparenza e separazione delle funzioni. All’avvio delle procedure di voto, ad esempio, il sistema genera le chiavi crittografiche necessarie per decifrare il contenuto dell’urna; una per ciascun garante dell’elezione che ha poi il compito di custodirla e metterla a disposizione solo a conclusione delle operazioni di voto, per consentire lo spoglio delle schede.

Rigidissimo anche il protocollo che garantisce l’anonimato dei votanti, con il sistema Eligere che emette dei “biglietti” di voto che solo l’urna digitale riconosce ed usa per generare la scheda elettorale, assicurando che il voto non sia associabile all’elettore. Infine, il riconoscimento a distanza degli elettori è reso possibile attraverso le videochiamate che Eligere coordina per assicurare l’identità dei partecipanti al voto.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Sport

Cronaca