QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 23°24° 
Domani 18°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 19 luglio 2019

Attualità martedì 27 novembre 2018 ore 13:01

"Gravi perdite per il Pisa mover"

Diritti in comune lancia l'allarme: "La società chiede il riequilibrio del piano economico finanziario. Nessun costo ricada sui cittadini"



PISA — "Com’era fortemente prevedibile - si legge in una nota del gruppo consiliare Diritti in comune - l’inutilità del People Mover rischia di tradursi ora in un danno economico per le casse comunali. La società PisaMover spa che ha avuto dall’amministrazione Filippeschi la gestione dell’opera a compensazione dei costi sostenuti per la sua realizzazione, ha infatti recentemente inoltrato e successivamente sollecitato, in data 17 ottobre, al Comune di Pisa la richiesta di riequilibrio del piano economico finanziario".

"A fronte di questa richiesta  - prosegue il gruppo d'opposizione - il sindaco Conti ha chiesto la proroga dal 31 ottobre, termine previsto per la risposta, al 31 dicembre, cosa che la Pisamover spa ha accettato. E’ opportuno ricordare che il Pef costituisce di fatto la proiezione dei ricavi ottenibili dalla gestione dell’opera a garanzia degli utili che la società di gestione dovrebbe incassare. Tali previsioni erano state concordate con l’amministrazione di centro- sinistra, che aveva anche garantito al gestore provvedimenti a favore dell’utilizzo sia del People Mover che dei parcheggi annessi. Per questi motivi la giunta Filippeschi aveva addirittura eliminato l’arrivo della Lam Rossa all’aeroporto Galilei".

"Era stata anche prevista la possibilità di revisione del piano economico finanziario, se gli scostamenti dalle previsioni di utilizzo fossero significativi. Proprio perché tali scostamenti sono stati significativi”è avvenuta la richiesta di riequilibrio: come era prevedibile e come abbiamo sempre denunciato in tutti questi anni si sono verificate in pochi mesi minori entrate dovute ad un numero di passeggeri inferiore al previsto e minori introiti anche dal parcheggio scambiatore. A questo punto si tratta di capire concretamente a quanti milioni ammonta la perdita rispetto a quanto era scritto nel Pef e quali saranno le risposte del Comune di Pisa rispetto a questa richiesta, e soprattutto se e come vi potranno essere anche ricadute negative sulle casse comunali.

"Come era prevedibile  - aggiungono gli esponenti del gruppo d'opposizione - i nodi di una grande opera sbagliata vengono tutti al pettine. La conseguenza di tutto questo è che ora l’amministrazione comunale e il suo braccio operativo Pisamo, invece di perseguire l’interesse comune, si devono dannare a non far fallire un progetto privato, prendendo decisioni per garantire un business plan di una società privata".

"Ad oggi  - rende poi noto Diritti in comune - Conti ha preso tempo ed in fretta e furia ha diffuso un avviso pubblico aperto per appena 8 giorni, dal 22 novembre al 30 novembre, per un supporto legale per il controllo sulla corretta esecuzione e gestione della Convezione e per 'il supporto per la redazione di modifiche contrattuali che si renda necessario apportare in conseguenza di interventi di riequilibrio del Pef'. Più semplicemente verrà dato un incarico esterno in tempi record, e già questo non è un buon segnale, per supportare gli uffici comunali".

"Chiediamo che il sindaco venga a riferire con urgenza nelle commissioni competenti sullo stato dell'arte e sulla dimensione economica del riequilibrio richiesto da PisaMover - conclude Diritti in comune - ma soprattutto chiediamo che nessun costo di un’opera profondamente sbagliata possa in alcun modo ricadere sulle casse e comunali e quindi sui cittadini e sulle cittadine".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità