Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Sport domenica 18 febbraio 2018 ore 16:20

Il Cus Pisa Hockey si arrende ai rigori, è argento

Le agguerrite cussine, di fronte al caloroso pubblico di casa, hanno mancato lo scudetto di un soffio, perdendo ai rigori contro la Lorenzoni Bra



PISA — Contro una cinica Lorenzoni Bra sfuma il sogno del quarto scudetto indoor per le ragazze del Cherubino, che nonostante l’ottima performance che le conduce alla finalissima per il primo posto, perdono ai rigori.

Il torneo all’italiana ha visto le gialloblù del Cus Pisa Hockey, durante la giornata di sabato, vincere prima 4 a 1 con l’Argentia, grazie ad una splendida tripletta di Giulia Taglioli, per poi capitolare proprio contro il Lorenzoni con il medesimo punteggio. La domenica si è aperta con una doppietta ancora di Taglioli, che risulterà essere la migliore giocatrice e realizzatrice del torneo, ed un terzo gol di Puglisi che ha regalato la vittoria sul Padova e l’accesso alla finalissima.

La finale è stata molto combattuta. Nel primo tempo è il Cus Pisa ad avere in mano il gioco impostando la manovra e giocando nella metà campo avversaria ma il Lorenzoni passa in vantaggio dopo pochi minuti di gara, capitalizzando un veloce contropiede. È Puglisi a segnare l’uno a uno per le gialloblù al 10’ fissando sul pareggio la prima frazione di gara che scorre via senza particolari emozioni, fatta eccesione per una buona occasione per parte. 

Il secondo tempo inizia con il solito copione: il Lorenzoni passa in vantaggio al 3’ e si fa più aggressivo, colpendo un palo al 7’. Al 10’ Galligani riequilibra le sorti del match ed il Cus sembra cominciare credere nella vittoria; in inferiorità numerica temporanea Puglisi conquista un penalty e la rigorista Taglioli non sbaglia: palla alla sinistra del portiere, 3-2 per il Cus Pisa. La gara si fa incandescente e a tempo scaduto su un corner corto contestato dal numeroso pubblico pisano presente sugli spalti, il Lorenzoni raggiunge in extremis il pareggio che regala alla formazione piemontese un insperato extra time. 

Entrambi i tempi supplementari finiscono in parità. Si va ai rigori. E non basta il portiere della nazionale Martina Chirico a parare i perfetti tiri messi a segno dalla squadra braidense. 

“Perdere ai rigori è sempre devastante dal punto di vista morale – ha commentato a caldo la dirigente dell’Hockey del Cus Pisa Lucia Anita D'Ambra- ma dimostra anche che ce la siamo giocata fino all'ultimo, eravamo pari a loro. Quest'anno è andata così, onore comunque alla Lorenzoni per questa vittoria”.

Dello stesso tenore le parole del Commissario del Cus Pisa Nicola Aprilepresente alla finale: “La partita è stata equilibrata ma beffarda a nostro danno, avevamo la vittoria in pugno fino all’ultimo secondo del tempo regolamentare, poi una volta arrivati ai rigori si sa che si tratta di una lotteria. Congratulazioni alla squadra avversaria per la vittoria ma complimenti anche alle nostre ragazze che si sono battute come leonesse. Ci riproveremo il prossimo anno”.

Dunque secondo posto al Cus Pisa, lo scudetto tricolore indoor va quest’anno all’Hc Lorenzoni. Terzo posto per il Cus Padova che si è aggiudicato ai rigori la finalina contro l’HC Argentia (Cernusco) dopo una gara avvincente terminata sul 4-4 nei tempi regolamentari. Nella formazione patavina militano le pisane Ester Benvenuti, premiata poi come miglior portiere del torneo e Alessia Betti, entrambe atlete del Cus Pisa fino alla scorsa stagione e trasferite in Veneto per motivi di studio, dove hanno continuato a giocare ad hockey con la formazione locale.

Alla premiazione erano presenti i vertici dell’hockey regionale e nazionale, che si sono prodigati in complimenti a tutte le atlete scese in campo e anche agli organizzatori del torneo, per il secondo anno consecutivo sul parquet del Cus Pisa. 

“Nello sport a volte si vince ed altre invece si perde – ha dichiarato il Prorettore alle attività sportive dell’Università di Pisa Marco Gesi – ma al di là del risultato del campo credo che il Cus Pisa abbia dato un ulteriore dimostrazione di essere ai vertici dell’hockey nazionale, anche per l’organizzazione impeccabile di queste finali”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un'altra vittima del Covid sul territorio provinciale pisano e altri 36 nuovi casi. In Toscana ci sono 5 decessi e 285 nuovi casi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca