QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 febbraio 2019

Attualità mercoledì 15 giugno 2016 ore 11:12

Nobel per la medicina premia ricercatrice pisana

Il riconoscimento "Ciro Coletta Young Investigator Award" le è stato consegnato nell’ambito di una conferenza mondiale che si è svolta a Napoli



PISA — Alma Martelli, ricercatrice del dipartimento di farmacia dell’università di Pisa, è stata premiata da Luis Ignarro, Nobel per la medicina, con il "Ciro Coletta Young Investigator Award" nell'ambito del congresso mondiale "4th International Conference on the Biology of Hydrogen Sulfide” che si è svolto in questi giorni a Napoli.

La ricercatrice si occupa da anni della farmacologia del solfuro d'idrogeno e ha ricevuto il riconoscimento per la migliore oral communication. La sua presentazione, intitolata Vascular Effects of p-Carboxyphenyl-Isothiocyanate, a novel H2S-donor, verteva sulle proprietà vasodilatatorie degli isotiocianati, delle molecole presenti in molte piante comunemente usate nell'alimentazione, come ad esempio il cavolo o i broccoli, che risultano particolarmente interessanti per le loro proprietà farmaceutiche e nutraceutiche.

Il gruppo di ricerca di farmacologia di cui la dottoressa Martelli fa parte, costituito dal professor Vincenzo Calderone, dalla professoressa Maria Cristina Breschi, dalla dottoressa Lara Testai e dalla dottoressa Valentina Citi, lavora da tempo sugli isotiocianati.

La scoperta dei ricercatori è che queste molecole sono in grado di rilasciare lentamente il solfuro d'idrogeno, un gas che fino a pochi anni fa era conosciuto solo per le sue proprietà altamente tossiche che si verificano quando è a concentrazioni relativamente elevate. In realtà, studi recenti hanno mostrato che il solfuro d'idrogeno è presente fisiologicamente nel nostro organismo e che svolge un’azione di modulazione positiva del tono vascolare. La ricerca di molecole che siano in grado di rilasciarlo in maniera lenta e graduale, mimando quello endogeno, assume quindi un notevole rilievo come nuovo traguardo nel trattamento delle patologie cardiovascolari.



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Lavoro