Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:25 METEO:PISA15°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 22 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quota 100, Draghi: «Non sarà rinnovata e puntiamo a un graduale ritorno alla normalità»

Cronaca giovedì 20 febbraio 2014 ore 19:01

Piano caserme, "quel progetto è fallito. Via a un processo partecipato"

Legambiente Pisa considera dannoso e non più redditizia la permuta programmata. E propone nuove soluzioni



PISA — “È lo stesso Ministero a non credere nella possibilità di concludere l’accordo, il progetto ormai è fallito”. Ne è sicura Legambiente Pisa, che commenta il Piano caserme precisando che il ministero della Difesa ha investito milioni di euro sulla Bechi Luserna, contraddicendo così l’ipotesi di dismetterla.
Il piano, che prevede la cessione al Comune delle tre caserme in cambio di una nuova struttura a Ospedaletto, dotata di alloggi per il personale, non trova una via d’uscita.

A bloccare le trattative sarebbero differenze di valutazione sul valore degli immobili: "La crisi del mercato immobiliare fa crollare il presupposto di tutta l’operazione - secondo Legambiente -, alla fine della quale avremmo avuto, oltre a una rimessa economica, abitazioni e uffici di pregio dove ora sono le due caserme citate e un terminal di bus turistici al posto della Bechi Luserna sulla via Aurelia".
Secondo l’Agenzia del demanio, infatti, le tre caserme avrebbero un valore tale da bloccarne la permuta, dato che il suo compimento significherebbe per il Comune una perdita di 9 milioni di euro.

Dimostrando tutta la sua preoccupazione relativa a un utilizzo degli edifici poco utile se non dannoso, Legambiente si schiera dalla parte del rispetto ambientale, con un occhio di riguardo ai 7.500 metri quadri del parco della Curtatone e Montanara.

Il blocco sul tavolo delle trattative, per Legambiente, “Potrebbe essere una buona occasione per ripensare l’intera questione. Potremmo cominciare con qualche forma di processo partecipato aperto nel quale ridiscutere il destino di quei beni, un percorso che ci auguriamo sia sostenuto dalla stessa Amministrazione e in cui si tenga conto sia dei vincoli economici che della domanda di partecipazione e socialità”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con 26 nuovi casi in 24 ore, l'ultimo monitoraggio concorda con i numeri emersi negli ultimi giorni in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca