Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:PISA21°29°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 16 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Metsola ricorda Sassoli e l'Aula applaude: «Ho promesso di rendere onore alla sua eredità»
Metsola ricorda Sassoli e l'Aula applaude: «Ho promesso di rendere onore alla sua eredità»

Politica domenica 07 luglio 2024 ore 17:30

Biondi all'attacco sulla gestione dei cassonetti

Marco Biondi

L'eliminazione di alcuni cassonetti interrati ha prestato il destro alla condanna diffusa della errata gestione dei rifiuti in San Martino



PISA — Il consigliere del Partito Democratico Marco Biondi ha criticato la scelta di eliminare alcuni cassonetti interrati a San Martino, che avrebbe causato un evidente disagio agi abitanti della zona.

"L’aspetto ancora più grave è stata la mancanza di comunicazione e di informazione da parte dell’amministrazione comunale nei confronti dei residenti - ha spiegato - che da un giorno all’altro hanno trovato i cassonetti inutilizzabili e con il cartello indicante la soppressione, nello specifico quelli in via del Carmine e quelli in via Giordano Bruno. Ci auguriamo che la loro soppressione sia momentanea e dovuta ai lavori che riguardano gli interventi sulle fognature".

"Per un quartiere già in affanno - ha proseguito - oggetto di numerosi cantieri da quello riguardante l’ex distretto in via Giordano Bruno a quello in via Turati inerente l’ex cinema Ariston, tenuto conto anche quello della chiesa di san Martino e dell’immobile della Scuola Normale in via Turati, ci saremmo aspettati una corretta informazione da parte del Comune che, ancora una volta, decide senza comunicare e senza trovare soluzioni che possano diminuire i disagi per i cittadini".

"Non riteniamo una decisione corretta la scelta di installare oltre 25 cassonetti mobili in via Giovanni Pascoli davanti alla PAM, chiusa a dicembre 2023 - ha specificato - soprattutto in un’area a ridosso di Corso Italia e considerato che la zona presenta già dei problemi di degrado mai risolti in questi anni."

La temporaneità della scelta, inoltre, non convince Biondi. "Basta con questa scusa: in Italia sembra che con il termine temporaneo si possa fare sempre tutto - ha detto - con questa scusa non si vogliono né pensare né attuare soluzioni che rispettino la città e siano capaci di esprimere una buona qualità urbana".

"La temporaneità è soltanto una scusa per trasformare in modo errato lo spazio pubblico - ha concluso - che, invece di essere un tessuto connettivo e sociale urbano, diventa uno spazio in cui tutti fanno quello che vogliono, senza un progetto coordinato e senza controllo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le musiche di Battiato, Battisti, Dalla e Carrà assieme a Sandy Marton e Tracy Spencer saranno i protagonisti di tre date del cartellone di Marenia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità