Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 24 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Nave da crociera in fase di ormeggio finisce contro la banchina in Turchia

Attualità giovedì 28 marzo 2024 ore 08:00

Confcommercio, "2023 con saldo positivo"

Maestri Accesi (a sinistra) e Pieragnoli

L'indagine realizzata da Format Research su oltre 20mila aziende pisane mette anche in guardia sul 2024: "Grande difficoltà per accedere al credito"



PISA — Nonostante il 2023 si sia chiuso con un saldo positivo tra nuove aperture e chiusure, il 2024 continua a preoccupare. È quanto emerge dall'ultima indagine condotta da Format Research per Confcommercio, che ha messo sotto la lente d'ingrandimento anche 20mila aziende della Provincia di Pisa.

"A preoccupare sono soprattutto la difficoltà delle imprese a far fronte al fabbisogno finanziario e, allo stesso tempo, a ricorrere agli istituti di credito, conseguenza della contrazione dei ricavi - ha commentato il presidente di Confcommercio Provincia di Pisa, Stefano Maestri Accesi - per gli imprenditori del nostro territorio rallenta in particolare la fiducia sull'andamento della propria attività e quella sui ricavi, che al momento si mantengono stabili, mentre le previsioni mostrano un miglioramento sotto l'aspetto dell'occupazione, anche se permangono le note difficoltà di reperimento di manodopera qualificata".

"I numeri della Camera di Commercio ci dicono che nel 2023 sono state 2.173 le nuove imprese registrate in Provincia, a fronte di 2.026 cessazioni - ha aggiunto - ciò significa che c'è stato un saldo positivo di 147, con una crescita dello 0,35%, tra le più alte della Toscana. Un segnale incoraggiante, anche considerando l'inflazione, l'aumento dei costi e il calo dei consumi".

In particolare, da Confcommercio l'attenzione è rivolta sull'accesso al credito. "A livello nazionale, dal 2011 a oggi, c'è stata una riduzione di oltre il 35% dei prestiti del sistema bancario verso le imprese con meno di 20 dipendenti - ha detto Federico Pieragnoli, direttore dell'associazione di categoria pisana - difficoltà confermate dall'indagine per le piccole e medie imprese del territorio. La conseguenza principale è stata un maggior indebitamento bancario, seguita dalla difficoltà di evadere i pagamenti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dalla creazione di un nuovo museo alla lastricatura delle strade: grandi progetti annunciati dall'Opera Primaziale Pisana per il prossimo futuro
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Politica